Pubblicato il

Usava l’abitazione di un cliente come base per confezionare cocaina

Condividi

PRATO – Nella serata di ieri, 14 giugno, questa Squadra Mobile – Sezione antidroga –  ha arrestato in flagranza di reatoun cittadino marocchino pregiudicato di 29  anni, ritenuto responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. L’arresto è originato da un’attività investigativa posta in essere dalla Squadra Mobile che ha raccolto elementi informativi circa la verosimile attività illecita di un cittadino nordafricano  il quale, era solito frequentare l’abitazione di un suo “cliente” sostandovi per lungo tempo. Nella tarda serata di ieri gli operatori, dopo aver intercettato il nordafricano in questione in alla guida di un veicolo impiegato per la raccolta di materiale ferroso e  con un passeggero, procedevano al loro controllo nel corso del quale i due fermati  manifestavano nervosismo e agitazione. 

 

LA PERQUISIZIONE DELLA POLIZIA

La perquisizione personale dei soggetti risultava negativa ma il controllo del mezzo consentiva di rinvenire e sequestrare  n. 60 involucri  confezionati  in cellophane  contenenti cocaina per complessivi grammi 36. Lo stupefacente era occultato all’interno dell’abitacolo del mezzo abilmente celato dietro uno sportellino del vano portafusibili. Posto davanti all’evidenza dei fatti ed alle contestazione in merito, il passeggero, cittadino pratese classe 1991 si mostrava collaborativo  ammettendo di aver messo a disposizione del marocchino  in argomento,   una camera della sua abitazione, ubicata in via Rubieri, per il confezionamento dello stupefacente  e per detta disponibilità, lo stesso riceveva dallo straniero  alcune dosi di cocaina. La perquisizione domiciliare nell’abitazione in questione consentiva di rinvenire e sequestrare una bilancina di precisione e materiale idoneo per il confezionamento dello stupefacente.  (Agg.15/6 ore 20,49)

ARRESTATO E TRATTENUTO IN CAMERA DI SICUREZZA

Accompagnato in Questura per la prosecuzione degli atti, il marocchino veniva arrestato e trattenuto presso queste celle di sicurezza a disposizione della competente Autorità Giudiziaria. (Agg.15/6 ore 20,52)


Condividi
ULTIME NEWS