Pubblicato il

Omicidio stradale e bullismo, convegno ad Anguillara con Minnucci

Omicidio stradale e bullismo, convegno ad Anguillara con Minnucci

Sabato all'ex Consorzio Agrario la tavola rotonda organizzata dall'associazione Lagone con i Lions Club Bracciano/Anguillara Sabazia/Monti Sabatini. Oltre al deputato dem intereverranno Federico Ascani,Consigliere Città Metropolitana  Roma e Massimiliano Valeriani, Capogruppo PD alla Regione Lazio

Condividi

ANGUILLARA – Omicidio stradale e bullismo: sabato 2 aprile a partire dalle ore 9:00, l’ex Consorzio Agrario di Anguillara Sabazia sarà lo scenario della tavola rotonda organizzata dall’Associazione Culturale Lagone nuovo in collaborazione con i Lions club Bracciano/Anguillara Sabazia/Monti Sabatini, con l’obiettivo di approfondire con il mondo delle istituzioni e della società civile i due temi che hanno caratterizzato il dibattito politico nazionale e regionale di questi ultimi mesi.

“La nuova disciplina sull’omicidio stradale si pone come obiettivo quello di sanare una vera e propria lacuna normativa sul tema della sicurezza stradale. Non vuole essere una legge giustizialista ma un vero e proprio deterrente contro chi, per superficialità e inconsapevolezza, si pone alla guida in uno stato di alterazione psicofisica” ha detto il deputato Dem Emiliano Minnucci che parteciperà all’appuntamento di Anguillara insieme a rappresentanti del mondo del terzo settore, della ricerca e delle istituzioni tra cui Federico Ascani,Consigliere Città Metropolitana  Roma e Massimiliano Valeriani, Capogruppo PD alla Regione Lazio.

“La legge regionale sulla prevenzione e il contrasto del bullismo rappresenta un atto di grande civiltà adottato dalla Regione Lazio con l’obiettivo di sostenere la crescita educativa, sociale e psicologica dei minori. Con questa nuova normativa regionale, il Lazio è la prima regione italiana a dotarsi di una legge contro un fenomeno grave in grande espansione tra gli alunni delle nostre scuole primarie e secondarie. Per questo – ha continuato l’On. Minnucci – se da una parte dobbiamo sentirci orgogliosi di questa novità legislativa, dall’altra abbiamo il dovere di sostenerla e promuoverla anche attraverso momenti di confronto e discussione al fine di sconfiggere tutti quegli atteggiamenti oltraggiosi che si consumano tra banchi dei nostri istituti”.


Condividi

ULTIME NEWS