Pubblicato il

La concretezza delle emozioni

La concretezza delle emozioni

Un viaggio nella poesia civitavecchiese grazie alla giovane autrice del libro ‘‘Una Raccolta di fumo senza arrosto’’

Condividi

di AURORA GAROFOLO

CIVITAVECCHIA – «Questa è n’ammazzatura; si tanto me dà tanto, c’arimani». Ha ragione Ugo Marzi, solo uno dei poeti nostrani: per chi scrive, per chi si prende l’incarico di mettere emozioni e percezioni su carta alla portata di tutti, ‘‘rendere’’ l’esperienza di partenza è a volte estremamente faticoso; eppure i poeti civitavecchiesi, per quanto ognuno con la sua sensibilità, hanno trovato quella che parrebbe una chiave comune per aprire la porta delle evocazioni poetiche: paradossalmente, la concretezza. Siamo abituati ad associare parole come ‘percezione’, ‘tempo’, ‘ricordo’, ‘irrazionale’ ai nomi di Freud, Montale, Ungaretti, Pirandello. Coloro che seppero entrare, con varie forme, all’interno della psiche umana e capire il suo rapporto con emozioni, sensazioni e tutto l’iceberg nascosto sotto il pelo dell’acqua. C’è chi lo fece e tutt’ora lo fa usando oggetti-simbolo, allegorici oppure scelti strategicamente per solleticare un determinato ramo del nostro subconscio: i correlativi oggettivi. Tuttavia nessuno è riuscito a farlo attingendo semplicemente a piene mani da una Realtà, peraltro popolare, senza modificarla né filtrarla con concezioni ideologiche o letterarie. È il vissuto stesso, tale e quale si è formato e poi dissolto nel passare degli anni.

«Perché la poesia nasce da la sofferenza, dal dolore, dal trauma de la Bellezza, da lontano». Volendo parafrasare Balilla Mignanti nella suddetta chiave: la sofferenza e il dolore che il poeta vive nel suo contesto naturale; il lontano, cronologico e non, dove il poeta vuole tornare e far tornare; il trauma della Bellezza, una talmente grande che evidentemente l’unica soluzione possibile per regalarla a chi legge, è non cambiare assolutamente nulla da come è stata vissuta. Spezzoni di vita materiali, pragmatici quanto lo sono stati e senza nessuna retorica néintellettualismi ma il racconto di un anziano a fine giornata, che si diverte a narrare in rima ma che contiene più verità di un film documentario. Forse non è un caso che, non tutti lo sanno, Antonioni tornò due volte a mangiare al Marangone. Civitavecchia è pregna di Neorealismo. In parte a causa dell’ esperienza dei bombardamenti, che si possono dire il simbolo del desiderio di rinascita consapevole che il Neorealismo specie cinematografico propugnava dagli anni 50, ma non solo; perché se questi poeti di classe compresa fra gli anni 30 e 40 sono arrivati a descrivere tradizioni culturali e gastronomiche di più di un secolo antiche – come la pizza di Pasqua descritta da Igino Alunni – un motivo ci sarà.

È perché la Civitavecchia poetica è stata ancorata alla propria storia e tradizioni da ben prima che la guerra o il progresso arrivassero a renderle passate. «[…dov’è finita] l’epoca bella de’ pennini e inchiostri, / der fiocco bianco sur sinale nero?/ …infónno so’ l’istesso de comm’ero, // e l’istesso è la vetrina, co’ste cose / che so’ arimaste identiche, curiose…/ càmbia la faccia ch’ariflette er vetro, / e ‘sta valiggia che me porto dietro // pesa più assai de la cartella piena… / …e c’è ‘na ruga de scoràta pena / traverso er vetro, e pare veramente / ‘na riga nera su cartassorbente». Quello in ‘‘Puglièsi’’, di Giuseppe Croce, come pure in ‘‘Artro che Disneyland’’ di Carlo de Paolis, è una sorta di esistenzialismo alla civitavecchiese: gli autori si aggrappano con forza all’oggettistica che caratterizza i ricordi d’infanzia, ed alla dimensione più schietta di essa: i pennini, i dolcetti tipici, consistenze, odori, sapori certamente correlativi oggettivi dell’infanzia di ognuno, ma mai trasfigurati in un senso filosofico qualsivoglia, né sfruttati a scopo retorico; prettamente oggetto di uno zoom sensoriale, che invece di risultare meramente terreno e utilitaristico, si carica di un ‘‘Oltre’’ concettuale e cronologico, risvegliando sensazioni e anche valori decaduti ma, a differenza di tanta poesia novecentesca, senza scomporli in metafore e simbolismi prolifici. La poesia Civitavecchiese ci insegna che nella Realtà c’è tutto ciò che serve per continuare a ricordare, e a sognare.


Condividi
ULTIME NEWS