Pubblicato il

"Abbandono incivile dei rifiuti? Ora servono fatti, non parole"

"Abbandono incivile dei rifiuti? Ora servono fatti, non parole"

Fiumicino. Il consigliere sostiene la necessità di installare fototrappole sul territorio. Severini: "C’è bisogno di rafforzare i deterrenti"

Condividi

FIUMICINO – «Tutti i giorni la città di Fiumicino si è svegliato sommerso dall’immondizia. Come già più volte segnalato, infatti, numerose zone del Comune sono preda degli incivili che abbandonano indiscriminatamente i propri rifiuti. E questa mattina, a seguito di ulteriori segnalazioni dei cittadini, ho indicato agli uffici le zone maggiormente colpite dal fenomeno, come Aranova e Passoscuro. Persino Isola Sacra non è mai stata così sporca: non è quindi un fenomeno che interessa soltanto le periferie del territorio, ma l’intero Comune.» A dichiararlo in un comunicato è Roberto Severini, Consigliere comunale di «Crescere Insieme». «Il punto – prosegue -, però, è che abbiamo bisogno di telecamere e ‘foto trappole’ che incastrino gli incivili, così che questi possano essere presi e multati in maniera esemplare. Non basta che la delibera di Giunta dichiarata qualche tempo fa rimanga sulla carta; dobbiamo passare all’azione e porre finalmente fine al degrado e all’incivilità che regnano sovrani. Abbiamo bisogno di una strategia precisa con cui collocare i sistemi di sorveglianza e di farlo in tempi rapidi, per poter dare finalmente una risposta alle lamentele dei cittadini». «L’abbandono – continua Severini – dei rifiuti dev’essere dunque contrastato con i fatti, non con le parole: dobbiamo dare concretamente seguito agli atti di Giunta e alle richieste che arrivano dalle associazioni, dai comitati e dai Consiglieri comunali del territorio e mettere un punto a questo insostenibile fenomeno». «Non bastano – conclude – la buona volontà e la collaborazione di tanti cittadini e operatori, non bastano gli sforzi messi in atto in questo periodo dall’area Ambiente; c’è bisogno di rafforzare i deterrenti per l’inciviltà, così come sarebbe utile anche ripristinare il servizio delle guardie ambientali».


Condividi
ULTIME NEWS