Pubblicato il

Dimensione Danza 2000: sette volte sul podio

Dimensione Danza 2000: sette volte sul podio

Al concorso nazionale ‘‘Wladanza’’ che si è tenuto al Teatro Orione  di Roma  

Condividi

CERVETERI – Danzatori e danzatrici della scuola etrusca, Dimensione Danza 2000,  protagonisti al concorso ‘‘W La Danza’’ del 28 aprile scorso, a Roma , al teatro  Orione, che ha visto la partecipazione di scuole provenienti da tutta Italia. Sette volte sul podio con Angelucci Cristina e Valente  Melania prime classificate nel duo junior modern, il corso semi avanzato secondo classificato  junior modern, i Big bang tribe  terzi  classificati hip hop junior, Silvia Mantovani e Giulia Capoccia prime classificate nel duo modern senior, l’Etruria dance company terza classificata nel modern senior, Sara e Irene Podestà seconde classificate nel duo hip hop senior, Elegant Tribe secondi classificati nei gruppi hip hop senior.
 Soddisfatta la direttrice artistica della scuola Alessandra Ceripa: «Sono risultati eccellenti in un concorso dove per ogni categoria e disciplina c’era una partecipazione numerosa. I nostri allievi partecipano per adesione volontaria e sono formati dai  gruppi previsti dall’’iter formativo della scuola. Abbiamo portato al concorso oltre 80 danzatori,   rappresentanti circa la metà dei nostri iscritti, ai quali, unitamente alle loro famiglie va il mio ringraziamento riconoscente. Alcuni gruppi non sono saliti sul podio ma hanno comunque offerto una buona prestazione e queste esperienze sono importanti per la loro crescita». 
A breve un gruppo degli allievi più piccoli parteciperà al campionato nazionale del Csen. Successivamente tutte le risorse della scuola saranno impegnate nell’organizzazione della 4° edizione dell”’Etruria in danza“, appuntamento previsto nella prima settimana di luglio, per la quale già si registrano importanti prenotazioni di scuole. Di fatto la manifestazione trasformerà Cerveteri nella città della danza e come ogni anno vedrà la partecipazione di artisti coreutici di chiara fama.  «La nostra rassegna vuole essere un momento di grande qualità della danza e un completamento del Trofeo Eufronio, che quest’anno ha registrato una crescita esponenziale di partecipazioni. A tale proposito ho accolto con grande piacere la vittoria di Rachael Mossom al premio Internazionale Città di Rieti, con la stessa coreografia presentata al Trofeo Eufronio. Quando la classe non è acqua». 

 


Condividi

ULTIME NEWS