Pubblicato il

Simav, il senatore Cervellini: "Serve un tavolo interistituzionale"

Simav, il senatore Cervellini: "Serve un tavolo interistituzionale"

Condividi

FIUMICINO – ‘La crisi Simav interseca il dramma del precariato aeroportuale, dell’occupazione a chiamata, dei diritti e del futuro dei lavoratori, della frammentazione e dequalificazione dei servizi, dei disagi operativi, dell’affidamento scriteriato a terzi di aree strategiche: per questo andrebbe affrontata con un’analisi puntuale di tutte le criticità gestionali del vero e unico hub del Paese, attraverso un tavolo che possa coinvolgere tutti gli attori istituzionali e territoriali responsabili’.
Lo dichiara in una nota il senatore di Sinistra Italiana-SEL Massimo Cervellini, vice presidente della Commissione Lavori pubblici, primo firmatario di una interrogazione sulla vicenda dei lavoratori Simav (ex Aeroporti di Roma), depositata lo scorso 3 agosto, che oggi è intervenuto al convegno ‘Frammentazione aeroportuale, la Crisi Simav’, organizzato dalla Fiom-Cgil presso la «Fattoria del Mare» a Fiumicino Aeroporto.
‘Chiederemo al ministro dei Trasporti verifiche sulla procedura messa in atto da Adr per la cessione del ramo d’azienda «manutenzione mezzi ed emergenze» a Simav; sulle credenziali tecniche della società cessionaria (come avrebbe dovuto fare Enac); sulle attività di manutenzione dei veicoli che attualmente vengono effettuate negli hangar delle compagnie aeree, ribadendo l’opportunità di riportare il servizio all’interno di Adr, evitando così anche il contenzioso promosso dai lavoratori, che oggi rischiano il licenziamento. Nonostante la situazione, una parte di questi lavoratori, in virtù della loro professionalità e funzione strategica, ieri sono intervenuti per rimuovere il velivolo incidentato che ha richiesto la chiusura temporanea dell’aeroporto di Ciampino. Questo fa capire, soprattutto in un momento così delicato per gli aeroporti, punti nevralgici in una stagione di terrorismo, che maestranze che svolgono simili funzioni non sono surrogabili. Anche per questo con Sinistra Italiana-SEL difenderemo con convinzione i lavoratori, nel quadro più ampio del rilancio dell’intero sistema aeroportuale di Fiumicino, che necessita di investimenti, ristrutturazione, ammodernamento: in termini infrastrutturali e di sicurezza dei lavoratori e dei passeggeri e in coerenza con la battaglia contro l’aumento della superficie aeroportuale, in linea con le proposte del Comitato FuoriPista. L’efficientamento può avvenire solo riorganizzando l’hub all’interno del sedime aeroportuale e attraverso la concertazione con chi vuole rilanciare e difendere, insieme al proprio lavoro e al futuro, un asset strategico per il futuro di Roma e del Paese’.


Condividi
ULTIME NEWS