Pubblicato il

Luciani: "D'accordo con Ciani per la modifica della bretella porto-A12"

Condividi

ENRICOCIVITAVECCHIA – “L’importante e qualificata adesione del Presidente dell’Autorità Portuale Fabio Ciani alla proposta di modifica del tracciato della bretella tra il porto di Civitavecchia e l’A12, dimostra come si possa favorire il radicamento dell’infrastruttura portuale nel territorio, determinando il minor impatto possibile sul territorio”. Questo è il commento di Enrico Luciani, presidente della Commissione Mobilità alla Pisana nel sentire le dichiarazioni del Presidente Ciani che si rispecchiano nelle posizioni che il nostro partito ha sostenuto da sempre e che hanno trovato negli interventi del capogruppo della Sinistra alla Provincia di Roma Gino De Paolis uno dei più convinti assertori. “La questione è piuttosto chiara: il progetto prevede originariamente la cementificazione e l’attraversamento della zona della Fiumaretta e se fosse realizzata l’opera andrebbe a devastare irrimediabilmente una zona, tra le poche rimaste, ancora scarsamente edificata nella quale, invece, dovrebbero essere messi a frutto gli investimenti già stanziati per la costituzione di un parco e per la conservazione e valorizzazione delle preesistenze archeologiche. L’approccio alla questione della mobilità relativamente alla zona portuale certamente importante e delicata, visto lo sviluppo esponenziale dello scalo di Civitavecchia negli ultimi anni, non può essere assunto attraverso costose infrastrutture che disegnano nuovi tracciati con il pericolo di non risolvere le questioni e di determinare ulteriori ferite su un territorio che certo ha già dato molto in termini di servitù. Bisogna realisticamente osservare che sulla costa e sul tracciato dell’Aurelia ormai si concentrano sia le funzioni relative agli spostamenti locali e di breve percorrenza che quelli a più ampio raggio e, quando il traffico è causato dai mezzi pesanti, si rischia la paralisi. “Non c’è dubbio – conclude Luciani – che la crescita del porto di Civitavecchia debba essere accompagnata da un adeguamento funzionale della rete dei trasporti che da questa città si innervano sia rispetto alla domanda dovuta al traffico crocieristico, in costante ascesa che rispetto alle merci. Pertanto il collegamento stradale con Livorno, la riapertura della linea ferroviaria verso Orte, il completamento della trasversale Civitavecchia-Viterbo, così come un impegno di Rete Ferroviaria Italiana per l’adeguamento e la realizzazione di maggiori servizi nelle stazioni del litorale, rappresentano senz’altro obiettivi che in Regione dovrebbero essere celermente perseguiti e che personalmente ho sollecitato quando sono state tracciate le “Linee guida al Piano dei Trasporti”.


Condividi
ULTIME NEWS