Pubblicato il

Sovraindebitamento, Adiconsum chiede alle banche la sospensione del pagamento delle rate

Sovraindebitamento, Adiconsum chiede alle banche la sospensione del pagamento delle rate

Condividi

EDGARDO AZZOPARDI

CIVITAVECCHIA – “A causa dell’emergenza coronavirus – fanno sapere da Adiconsum – ci stanno giungendo numerose richieste da parte delle famiglie che hanno potuto accedere ai prestiti di consolidamento dei propri debiti garantiti dal Fondo di prevenzione del sovraindebitamento e dell’usura (ex art. 15 Legge 108/1996), di sospendere temporaneamente il pagamento delle rate a causa delle gravi difficoltà economiche generate dall’emergenza COVID-19”.

Il Fondo, gestito da Adiconsum su incarico del Ministero dell’Economia e delle Finanze, interviene per aiutare le famiglie a risollevarsi dalla propria situazione di sovraindebitamento, facendo loro ottenere, e garantendolo, un prestito agevolato che consolida i debiti contratti  per un importo massimo fino a 50.000 euro, con rientri fino a 120 mesi (10 anni), da estinguere entro il 65° anno di età a tassi minimi.

”Per venire incontro alle famiglie che hanno usufruito dell’aiuto del Fondo e per tutelare le risorse pubbliche che gestiamo, – spiega Rino Tarelli, Presidente del Fondo di Prevenzione Usura – abbiamo consultato il Ministero dell’Economia e delle Finanze per avere delle indicazioni al riguardo.  Il Ministero ci ha risposto che l’estensione della sospensione delle rate e dei canoni di leasing e il dilazionamento del piano di rimborso concesso alle imprese possono essere ragionevolmente applicati anche alle famiglie assistite dalle Fondazioni e associazioni, rimettendo però tale concessione alla discrezionalità delle banche. Il Ministero ci ha inoltre anticipato che i prossimi provvedimenti del Governo dovrebbero contenere indicazioni relative proprio al Fondo ex art. 15 della legge 108/1996. Abbiamo quindi fatto pervenire alle banche convenzionate col Fondo gestito da Adiconsum (Intesa Sanpaolo, BPER Banca e Monte dei Paschi di Siena) le considerazioni del Ministero dell’Economia e abbiamo loro richiesto di concedere alle famiglie e ai soggetti titolari di prestiti garantiti dal Fondo, nei casi di comprovata difficoltà economica derivante dall’emergenza coronavirus, di prorogare o sospendere i finanziamenti in essere almeno fino a 6 mesi.

”Auspichiamo che le suddette banche – conclude Carlo De Masi, Presidente di Adiconsum nazionale – non facciano mancare il loro sostegno alle famiglie sovraindebitate e accolgano la nostra richiesta”.

 


Condividi
ULTIME NEWS