Pubblicato il

E’ morto Emiliano Moggi: il carabiniere forestale conosciuto e amato da tutti

E’ morto Emiliano Moggi: il carabiniere forestale conosciuto e amato da tutti

Condividi

TOLFA – E’ prematuramente scomparso per un arresto cardiaco il carabiniere forestale Emiliano Moggi a causa di un arresto cardiaco. Le sue esequie si sono tenute con le regole dettate da Dpcm. La salma di Moggi dopo essere stata benedetta da don Giovanni è stata sepolta nel cimitero tolfetano. Moggi era appuntato scelto carabiniere forestale ed è deceduto sabato scorso all’ospedale “Belcolle” di Viterbo dopo un grave, improvviso malore lo scorso 15 aprile durante il servizio e che aveva richiesto l’immediato intervento dei sanitari nei locali della caserma in Vejano dove lui lavorava. “I sanitari intervenuti si sono prodigati instancabilmente nelle procedure rianimatorie per poi trasportarlo all’ospedale di Belcolle dove il militare è stato ricoverato nel reparto di rianimazione: nonostante ogni sforzo è deceduto nella tarda mattinata di sabato 18 – spiega il Col. Marco Avanzo – Emiliano era apprezzato e stimato da colleghi, amici e, come da innumerevoli testimonianze giunte in questi giorni, dalla comunità di Vejano. I Carabinieri forestali della provincia di Viterbo sono vicini alla moglie Antonella con suo figlio Luca, al padre, al fratello, alla sorella e a parenti e amici, pur non potendo testimoniare questo sentimento come tutti vorrebbero per le attuali restrizioni. Emiliano aveva preso servizio nel viterbese nel 2008 presso il Posto Fisso delle Saline di Tarquinia per poi trasferirsi nel 2013 alla Stazione di Oriolo Romano. Nel 2016 la Stazione venne spostata a Vejano dove Emiliano ha prestato servizio negli ultimi quattro anni con il suo carattere riservato ma sereno, sensibile ed equilibrato, sempre disponibile e propositivo, punto di riferimento per i colleghi, i superiori e la cittadinanza a cui non mancava di fornire sempre consigli, a testimonianza di uno spirito di servizio improntato al senso del dovere, alla difesa dell’ambiente ma anche alla vicinanza al prossimo. E’ anche a testimonianza di questo suo spirito che con il consenso della famiglia si è proceduto all’espianto degli organi, il suo ultimo dono”. Il sindaco Luigi Landi a nome di tutta l’amministrazione comunale e di tutta la comunità di Tolfa ha partecipato alle esequie blindate e ha espresso ”vicinanza alla moglie Antonella, al figlio Luca, al padre, al fratello, alla sorella e a tutti i parenti”. Sconvolti i membri dell’Università Agraria di Tolfa: “Ricordiamo oggi con grande dolore la scomparsa prematura e inaspettata del nostro giovane amico Moggi Emiliano. Un ragazzo bravo, buono e di sani principi che diversi anni fa ha rivestito un ruolo importante nell’amministrazione dell’Università Agraria di Tolfa. Ci stringiamo nel dolore. Buon viaggio Emiliano”. Particolarmente colpito da questa prematura scomparsa il consigliere comunale di Tokfa Antonio Stefanini: “Così tutto all’improvviso in questo periodo già brutto e terrificante te ne sei andato. Sei stato e lo sarai sempre un amico, una delle persone più buone che abbia mai conosciuto..e quella tua bontà è andata oltre anche alla tua morte per donare la vita, un gesto che solo le persona Grandi come te sanno fare. Vivrai sempre nel nostro cuore, in quello dei tuoi amici, dei tuoi cari e di chi ha avuto la fortuna di conoscerti. Ciao Emiliano”. ️


Condividi

ULTIME NEWS