Pubblicato il

Neonato morto al San Paolo: un mese per la perizia

Neonato morto al San Paolo: un mese per la perizia

Affidata anche una consulenza ginecologica. La magistratura vuole vederci chiaro sull’episodio avvenuto a fine ottobre


Condividi

CIVITAVECCHIA – Quali erano le condizioni del neonato appena nato? La scelta di non effettuare il cesareo è stata legittima o meno? Su questi aspetti vuole vederci chiaro la magistratura, con il sostituto procuratore Roberto Savelli che ha conferito un ulteriore incarico peritale al professor Pantaleo Grego, dell’Università di Ferrara, nell’ambito dell’inchiesta sulla morte del neonato avvenuta a fine ottobre presso l’ospedale San Paolo. Per la vicenda, al momento, sono indagati nove sanitari, tra ginecologi, ostetriche, pediatri ed infermieri, per il reato di omicidio colposo. Il professor Greco dovrà procedere ad un accertamento tecnico irripetibile di natura ginecologica. Si dovrà concentrare, quindi, sulla verifica dei campioni biologici, circuiti cardiotocografici preparto, risultanze di tutti i rilievi chimici e biologici. Tutto questo per verificare se vi siano stati o meno possibili omissioni e comportamenti censurabili anche nella fase della gravidanza. Probabile che possa essere necessario anche un accertamento neonatologico prima della chiusura della fase peritale, che avverrà il mese prossimo, quando scadranno i 120 giorni di tempo a disposizione del medico legale, il dottor Stefano D’Errigo, chiamato a stilare una perizia complessiva sul caso. Come si ricorderà i primissimi risultati informali dell’autopsia parlavano di un possibile problema polmonare successivo al parto, escludendo una patologia della quale avrebbe sofferto il piccolo. Una polmonite che potrebbe essere stata causata da una sindrome di aspirazione da meconio, che si verifica nel neonato che, prima o al momento del parto, abbia inalato nei polmoni il materiale fecale sterile di colore verde scuro chiamato appunto meconio. Risposte chiare, più precise e dettagliate, potranno essere fornite all’esito della consulenza tecnica. 
 


Condividi

ULTIME NEWS