Pubblicato il

Terrazza Guglielmi: si cerca una soluzione

Terrazza Guglielmi: si cerca una soluzione

Dialogo aperto con i commercianti della zona per demolire le opere giudicate abusive dalla Soprintendenza. L’assessore Ceccarelli: «Al lavoro anche per renderla pienamente accessibile, ma non è semplice»

Condividi

CIVITAVECCHIA – Pincio al lavoro per cercare di far partire prima possibile i lavori di riqualificazione della Terrazza Guglielmi, donata al Comune due anni fa con il progetto approvato in giunta lo scorso mese di giugno. In questi giorni è arrivata la Paesaggistica senza la quale, il Pincio, non avrebbe potuto avviare la pratica per il prestito di circa 400mila euro alla Cassa Depositi e Prestiti. Per dare inizio ai lavori, però, bisognerà demolire tutti gli abusi indicati dalla Soprintendenza. Si tratta di insegne alte, tende, canne fumarie, condizionatori ed antenne installati nel corso degli anni e tollerati, ma oggi da eliminare. (agg. 29/11 ore 9.23) segue

COMMERCIANTI PREOCCUPATI. «I commercianti che operano sotto la terrazza – ha confermato l’assessore Alessandro Ceccarelli – sono quasi tutti ben disposti a far sparire gli abusi, non autorizzati, ma sono particolarmente tesi, e li capisco, circa la possibilità che qualcuno, vincitore di un bando estivo, possa installarsi sopra le loro teste e fare della concorrenza».(Agg. 29/11 ore 10)

UNA SOLUZIONE CHE TUTELI I COMMERCIANTI. La Soprintendenza, infatti, consentirà di allestire qualche semplice installazione temporanea, così da far rivivere l’area nella bella stagione. Il Pincio sta quindi cercando di trovare una strada che tuteli i commercianti. Nel frattempo la stessa Soprintendenza ha chiesto qualche piccola modifica al progetto, al quale stanno lavorando gli uffici del Pincio. L’idea di Ceccarelli è quella poi di delocalizzare la cabina Enel sotto la terrazza e spostare i bagni pubblici sotto la passeggiata, migliorandone la fruibilità. Intanto si sta cercando una soluzione per rendere pienamente accessibile l’accesso alla terrazza. «Stiamo lavorando su questo aspetto – ha concluso Ceccarelli – ma non è semplice riuscire ad inserire una discesa per disabili. Anche per gli ascensori o montascale la questione non è facile, ma ce la mettiamo tutta per arrivare ad una possibile soluzione». (agg. 29/11 ore 10.30)


Condividi
ULTIME NEWS