Pubblicato il

Da miss ad attrice, la storia di Sara Dremlik

Da miss ad attrice, la storia di Sara Dremlik

Condividi

 di DANILA TOZZI

LADISPOLI – Dalla passerella al set. La storia bella e emozionante di Sara Dremlik è iniziata con il titolo di Miss Etruria 2016 e ora continuata come protagonista del fotoromanzo “Il guardiano delle stelle” del settimanale “Grand Hotel”, questa settimana in edicola. La bellissima Sara è alla sua prima esperienza come attrice ma promette bene. Una ragazza semplice, bellezza acqua e sapone, 17 anni di Ladispoli che sognava sin da piccola di calcare il palcoscenico ed entrare così nell’affascinante mondo dello spettacolo. Negli anni passati ha partecipato infatti a vari concorsi poi nel settembre 2016  la svolta: viene incoronata come Regina degli Etruschi. Da quel momento entra nella scuderia di Tony Scarf, patron del concorso, viene chiamata a vari provini per televisione e cinema, comincia a studiare recitazione e canto presso l’Accademia dello spettacolo “Giuseppe Patroni Griffi” che le assegna una parte in una storia d’amore romantica, accanto all’attore Gilles Rocca. Tony Scarf ha sempre dimostrato un’attenzione speciale verso i giovani, ai quali ha dedicato concorsi e talent di vario tipo, che hanno fatto da trampolino a nuove avventure: cantanti, ballerini, modelli, modelle o aspiranti attori. In questo caso per Sara la rampa di lancio è stato appunto il concorso di bellezza “Miss Etruria- La Regina degli Etruschi” che quest’anno è giunto alla XXIII edizione ed è abbinato al Premio “Laura Antonelli”, alla IV edizione. Nei suoi concorsi le giurie sono sempre composte da persone competenti appartenenti al mondo dello spettacolo: in quella del 2018 la giuria era composta dall’attrice Martine Brochard, l’attore Kaspar Capparoni, Nino Celeste e Roberto Girometti, autori della fotografia cinematografica, Paolo Fidemi agente cinematografico e dal regista del “Grand Hotel”, Carlo Micolano. A loro, tra l’altro, sono stati assegnati i riconoscimenti alla carriera, premio “Laura Antonelli”, per il contributo che hanno dato al cinema italiano. Un altro successo dunque per l’eclettico Tony Scarf protagonista di film quali “Uno contro l’altro praticamente amici” con Renato Pozzetto, “La casa stregata” con Gloria Guida, “Delitto sull’autostrada” con Tomas Millian e Bombolo, “Il Tassinaro” con Alberto Sordi, “Bello mio bellezza mia” con Giancarlo Giannini”, “Attila” con Diego Abatantuono e “La nave va” regia di Federico Fellini, questi solo per citarne alcuni, nonché controfigura ufficiale del mitico Charles Bronson. In occasione della manifestazione di Miss Etruria fu notata Sara Dremlik, proprio nel corso della sfilata di moda di Teresa Riccardi. Il regista Carlo Micolano vide in lei la protagonista del fotoromanzo che stava preparando, e dopo un provino, le è stato assegnato il ruolo. “Ho visto in Sara delle potenzialità immense”- ha dichiarato alla bela notizia Tony Scarf -“ma senza studio e gavetta non si va da nessuna parte. Oggi i giovani sono stati abituati, anche se direi illusi, dai media, al successo immediato. Per me la gavetta è importantissima, è la formazione che ti prepara ad affrontare mille situazioni e la capacità di un artista. Non mi resta che augurare a Sara una lunga e fortunata carriera”.

 


Condividi
ULTIME NEWS