Pubblicato il

Talete e non solo, le prime sei proposte del Pd di Tarquinia

Talete e non solo, le prime sei proposte del Pd di Tarquinia

Prosegue il botta e risposta con l’amministrazione Mencarini Oltre a Talete, in primo piano la pulizia delle aree pubbliche, il rinnovo degli appalti, S. Maria in castello, attività di governo e consiglio»

Condividi

TARQUINIA – Non si arresta il botta e risposta politico tra Pd e amministrazione Mencarini sulla questione Talete, ma non solo. 
«A fronte di una oramai assoluta e conclamata incapacità a risolvere qualsiasi problema,- affermano dalla segreteria del Pd – Pietro Mencarini e la sua orchestrina del Titanic, fra una festicciola e l’altra, si abbandona a reazioni isteriche e prive di ogni sostegno da parte della logica e della decenza». (agg. 30/05 ore 00.30) segue

LA REPLICA. «Accusano il PD di mancanza di proposte? – dicono il segretario Armando Palmini e i suoi – Ebbene eccole le proposte: avete affermato che la Talete con la precedente amministrazione faceva quello che voleva, sta di fatto, che la precedente amministrazione aveva preteso e ottenuto uno sportello Talete in città e voi ne avete provocata la chiusura» (Agg. 30/05 ore 01)

LE PROPOSTE. «Prima proposta: riaprite lo sportello a servizio dei cittadini senza tante chiacchiere. Siete corsi a sistemare Fontana Nova dopo che la tv locale vi aveva tritato. Seconda proposta: fate la pulizia delle aree pubbliche regolarmente e non dopo che vi arrivano le legnate dalla stampa. Avete trovato gli appalti dei parcheggi e del servizio di nettezza urbana già pronti nel cassetto al vostro arrivo». «Terza proposta – proseguono i democrat – : date corso al rinnovo degli appalti dei servizi pubblici essenziali invece di campare di rendita sul lavoro degli altri. Il mattonato davanti a Santa Maria in Castello vi è stato consegnato in perfetto stato di salute, così come l’illuminazione e l’arredo urbano e adesso meritereste il premio Attila per come lo avete gestito e distrutto nell’arco di un solo anno. Quarta proposta: riparate i danni provocati dalla vostra trascuratezza. I problemi aperti il giorno del vostro insediamento sono ora spalancati». «Quinta proposta – conclude il Pd -: fate qualcosa, qualsiasi cosa che assomigli a un’attività di governo e smettetela di piangervi addosso e di litigare in Comune e ovunque avete uno strapuntino, senza cavare un ragno dal buco. Nell’unica occasione in cui vi è stata chiesta una spiegazione sulle comparsate fasciste compiute nell’ufficio del vice sindaco, siete scappati di fronte alla cittadinanza e non vi siete presentati in consiglio comunale. Sesta proposta: sbrigatevi a fare la seconda convocazione del consiglio comunale dal quale siete fuggiti.  E se queste proposte non vi bastano, tranquilli, ne abbiamo molte altre». (a.r.) (agg. 30/05 ore 01.30)
 


Condividi
ULTIME NEWS