DOMENICA 23 Febbraio 2020 - Aggiornato alle 23:05

Home » » Zampa d’Angello, al via la bonifica

 

Zampa d’Angello, al via la bonifica

La prossima settimana inizieranno le operazioni di pulizia dell’area
Quattordici ettari di terreno sono in vendita, Frascarelli e Rossi: «Il Pincio ne faccia un parco». Chiesta l’istituzione del catasto delle zone incendiate

L’intera area di Zampa d’Angello, devastata di recente da un terribile incendio, dovrà finalmente diventare un parco.
A chiedere in coro il completamento del progetto del quale da anni si parla, è la Seconda Circoscrizione, che per bocca del presidente Giancarlo Frascarelli e del consigliere di opposizione Gabriella Rossi, si mostra più che decisa a non mollare.
Quanto le fiamme hanno portato alla luce, infatti, secondo i due rappresentanti dell’organo decentrato, la dice lunga sull’incuria che finora ha regnato sull’intera area ed anche sul sostanziale disinteresse delle istituzioni, che non hanno mai attivato controlli degni di questo nome. «Abbiamo trovato materiali pericolosi come eternit - racconta l’esponente di Ambiente e Lavoro, autrice della denuncia illustrata al presidente Frascarelli - oltre a cumuli di carta e detriti, gettati senza controllo, che di certo non hanno fatto altro che alimentare le fiamme e rendere l’incendio ancora più pericoloso per le vicine zone abitate. E come se non bastasse anche un piccolo pozzo senza copertura, nel quale qualunque bambino sarebbe potuto cadere». Un vero scempio, secondo l’agguerrita ‘‘consigliera’’, che ha quindi proposto, in base ad una legge regionale, l’isituzione di un ‘‘catasto delle zone incendiate’’, una speciale anagrafe, nella quale inserire tutte le zone nelle quali divampano roghi, che saranno sottoposte a regole speciali, visto che a queste stesse aree non potrà essere cambiata la destinazione d’uso e non potranno nemmeno essere vendute per almeno quindici anni.
Una proposta tutt’altro che priva di fondamento, visto che, stando a quanto hanno scoperto proprio Rossi e Frascarelli, ben 14 ettari (140 mila metri quarati) di terreno sono stati messi in vendita dai vari proprietari. «Quello che chiediamo - \INCENDIOafferma il presidente - è che questi spazi vengano acquistati dal Comune per istituire il Parco di Zampa d’Agnello. Questa opportunità - aggiunge - dovrà comunque essere valutata insieme alla Terza Circoscrizione (sul cui territorio ricade parte del fosso), anche se credo che importanti segnali di disponibilità già ci siano da parte di questa amministrazione. Non appena o illustrato lo stato in cui versa l’area il sindaco ha disposto la bonifica immediata, che infatti partirà la prossima settimana, dopo cioè aver ottenuto i permessi dai vari prorprietari dei terreni. E io come presidente di circoscrizione, non posso che rigraziarlo per aver preso a cuore questo problema».

(05 Set 2007 - Ore 20:36)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Elisabetta Nibbio
Riproduzione riservata.
È vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy