SABATO 15 Giugno 2019 - Aggiornato alle 00:25

Home » » Under 14, rialzarsi per non finire nei playout

 

Under 14, rialzarsi per non finire nei playout

VERDECALCIO CIVITAVECCHIA CALCIO. A tre gare dal termine i 2005 Elite di mister Michesi rischiano grosso: per salvarsi servirà un miracolo. Momentaneamente i bianconeri si trovano in penultima piazza a -7 dalla salvezza, il pareggio per 2-2 contro la Vigor Perconti è prezioso ma non migliora la situazione. Perdono l’Under 19, 17 e 15. Nei regionali l’Under 16 assapora il gusto dei playoff, nei guai 2004 e 2005

di MATTEO CECCACCI

Quattro sconfitte, due pareggi e due vittorie: termina così il quinto e ultimo fine settimana del mese di marzo per l’agonistica del Civitavecchia Calcio 1920-Leocon. A tre partite dal termine della regular season, riguardante i campionati Elite, perdono l’Under 19 e 17, già retrocesse, oltre all’Under 15 mentre impatta 2-2 con la Vigor Perconti l’Uder 14. Nei Regionali, cinque match alla fine della stagione, sempre più bella l’Under 16 che inizia a sognare in grande, i playoff sono lì, ad un passo. I 2004 e 2005 rischiano di restare nella zona rossa, per i primi la gloria dista 15 punti, per i secondi soltanto sei lunghezze.
L’Under 19 Elite allenata da Patrizio Tossio perde 2-1 la sfida con il Montespaccato del tecnico Lo Pinto. A via Stefano Vaj il risultato rispetta il pronostico, anche se sul sintetico si vede un buon Civitavecchia Calcio che, nonostante sia già retrocesso, corre, suda, lotta su ogni pallone e cerca di portarsi a casa i tre punti per il morale della squadra. C’è da dire che se i nerazzurri non sarebbero stati matematicamente condannati nei Regionali, avremmo parlato di una bella partita equilibrata con tanta qualità in campo, invece ci troviamo a dover dire che sono stati 90’ a senso unico, un match giocato dal Montespaccato nel migliore dei modi, perché se per i nerazzurri non aveva nessun riscontro, o meglio ancora, nessun valore, i capitolini si giocavano tanto, visto che a tre giornate dalla fine navigano tra la retrocessione diretta, distante oggi un punto, e i playout. Il vantaggio dei padroni di casa arriva alla prima occasione creata, grazie al numero nove Marco Pezzuto, bravo a dribblare Castellano e a bucare la porta di Fioretti con un bel tiro a giro. La Vecchia accusa il colpo, i ragazzi di mister Tossio non ci stanno e poco dopo provano a impensierire l’estremo difensore locale con la conclusione del classe 2002 Tiziano Marini che su calcio di punizione colpisce in pieno la traversa, mentre 5’ più tardi è San Martin ad avere l’occasione più importante, ma un bravo Langellotti respinge in angolo. A pochi secondi dal duplice fischio c’è ancora tempo per assistere al contropiede dei locali, con il numero sette Alessandro Pezzuto, fratello di Marco, che dai venti metri tenta la botta di destro, ma termina alta sopra la traversa. Al rientro dagli spogliatoi, dopo alcune sostituzioni da parte degli allenatori, può arrivare in un battibaleno il pareggio nerazzurro con Masotti che a porta praticamente spalancata, sbaglia clamorosamente il tiro che finisce alle stelle. Gol sbagliato gol subito, nemmeno il tempo di disperarsi che all’8’ arriva il raddoppio del Montespaccato ad opera dei gemelli Pezzuto: Alessandro dalla destra serve in area il fratello Marco che insacca il pallone del 2-0 alle spalle di Fioretti. Il Civitavecchia non molla, dimostra di stare in partita e lo conferma alla mezz’ora, quando Belloni da due passi realizza la rete del definitivo 2-1. Nell’ultimo quarto d’ora i tirrenici non riescono a ristabilire gli equilibri e al triplice fischio esultano, come all’andata, i ragazzi del presidente Massimiliano Monnanni che ora vedono i playout distanti una solo lunghezza, anche se attualmente i classe 2001 rimangono al penultimo posto in classifica con 23 punti a -1 dal Villalba, mentre il Civitavecchia, retrocesso nei Regionali la scorsa settimana, resta la cenerentola del girone A con soli 8 punti all’attivo, frutto di due vittorie, due pareggi e ventitre sconfitte in ventisette partite giocate. Sabato i nerazzurri attenderanno in casa la quarta della classe Savio di mister Grande, team dove milita il civitavecchiese ex Leocon e Lazio Lorenzo Spinelli. Ai civitavecchiesi di patron Iacomelli non resta che chiudere la stagione a testa alta e con dignità, d’altronde come hanno sempre fatto e faranno fino alla fine. È l’unica vittoria che devono portare a casa dopo un’agonia che purtroppo sta ancora durando e durerà fino al 24 aprile, ma sarebbe il successo più bello e significativo che varrebbe più di tre, dieci, cento punti.
Dopo la retrocessione di domenica scorsa, l’Under 17 Elite di mister Adus Amici perde di misura il derby del Tirreno con il Ladispoli di Michele Micheli, vittorioso anche l’otto dicembre scorso quando con i i suoi ragazzi espugnò 2-0 il Di Ianne. I 2002 nerazzurri per l’ennesima volta non sono riusciti ad ottenere la prima vittoria stagionale, bensì hanno subìto il ventunesimo ko su ventisette match giocati. All’Angelo Sale, sotto un solo cocente, i ventidue giocatori si danno battaglia, nei primi quindici minuti si studiano, per poi tentare l’assalto alle porte difese da Loioli e D’Archivio, bravi a dire di no alle conclusioni degli attaccanti rivali. I primi 40’, grazie a delle ottime retroguardie, terminano 0-0. Nella ripresa i due tecnici capiscono che se vogliono conquistare l’intero bottino, c’è bisogno di effettuare cambi, allora Amici parte dalla porta sostituendo Conti per D’Archivio, Luciani per Crescentini e Gasparri al posto di Fastella, mentre Micheli mette nella mischia De Mutis, Crostelli, Giovani, Bracaglia, Capuani e Anzuini, proprio quest’ultimo decide il derby, perché pochi minuti dopo l’inizio del secondo tempo, Impiglia di Roma 1 assegna il penalty ai rossoblu e il numero quindici sfonda di destro la porta difesa dal portierino Conti. Da qui in poi si assiste a un buon forcing dei nerazzurri che però non va a buon fine, visto che i tiri di Napolitano prima e Ghinescu dopo vengono respinti dall’estremo difensore Loioli. Niente da fare, alla fine a gioire sono i tifosi rossoblu che si portano a casa una vittoria che vale doppio, perché si sa, chi vince il derby poi te lo rinfaccia fino al prossimo incontro. I ragazzi di Micheli conquistano la decima vittoria in campionato e la decima piazza con 31 punti all’attivo, utile per stare fuori di soli due punti dalla zona playout, occupata momentaneamente da Accademia Calcio Roma, Ottavia, Aurelio Roma Academy e Pro Roma Calcio, oltre al Civitavecchia Calcio fanalino di coda con soli sei punti all’attivo ottenuti dopo ventisette partite, frutto di sei segni ics maturati fino a questo momento. Anche qui non c’è vittoria più grande che continuare ad allenarsi con impegno, sacrificio e dedizione, quello che i classe 2002 hanno sempre messo, ma che purtroppo non sono bastati per disputare una stagione da media-alta classifica. Chissà cosa sarebbe servito per vedere una rosa più competitiva in questo girone. I nerazzurri nel weekend affronteranno tra le mura amiche la seconda forza del girone Sff Atletico, che nella gara di andata giocata al Paglialunga asfaltò per 9-0 i civitavecchiesi. Insomma, difficile chiudere la stagione con il numero uno sotto la statistica della vittorie incredibilmente ferma ancora a zero, anche perché poi ci saranno Ostiamare e Grifone Monteverde, squadre praticamente impossibili da battere.
L’Under 15 Elite di Dario Rasi cede 3-0 al Pro Calcio Tor Sapienza e subisce la sesta sconfitta consecutiva. L’avevamo detto che i classe 2004 avrebbero perso tutte le sfide con i grandi blasoni della capitale, non a caso si è avverato: dopo il successo casalingo per 4-0 ai danni dei lidensi dell’Ostiamare datato 17 febbraio, poi il baratro, un buio pesto che ha non ha trovato più uno spiriglio di luce, frutto delle battute d’arresto, alcune anche pesanti, con Trastevere, Urbetevere, Ladispoli, Spes Artiglio, Certosa e Pro Calcio Tor Sapienza. Proprio la formazione del tecnico Volpe ha fatto sì che la Vecchia subisse il sesto ko di fila, per crollare al decimo posto in classifica insieme al Grifone Monteverde a +6 dalla zona playout, un distacco ancora netto che non mette tanta paura ai giocatori, visti i risultati ottenuti dalle dirette rivali. A Roma, in via Felice de Andreis i nerazzurri vanno in svantaggio all’11’, quando il gialloverde Campanile dal limite dell’area batte De Clementi con un pregiato tiro a giro. Sboccato il tabellino, gli animi si scaldano, i falli, soprattutto quelli tattici aumentano, il direttore di gara Maurici di Roma 2 è costretto a sventolare cartellini gialli. Le due squadre continuano a costruire azioni e velenosi contropiedi, ma se gli attacchi nerazzurri vengono tutti fermati da una difesa capitolina impeccabile, comandata da un Nardini in maglia numero tre insuperabile, dall’altra parte Palma e Brandi non possono far nulla al 34’ sul tiro di Papa che dribbla i due difensori e gonfia la rete per il momentaneo 2-0. Nel secondo tempo non influiscono per niente i cambi effettuati da Amici: Leardini e Taflaj K. più di tanto non possono incidere, a differenza dei padroni di casa che in meno di 10’ rifilano il tris a firma di Cucca che trafigge per la terza volta Gimmy De Clementi, dopo aver accolto un cioccolatino dal compagno Campanile, senza ombra di dubbio il migliore in campo. Il gol del Civitavecchia non arriverà mai, sono poche le occasioni da gol, inesistenti, frutto di una rosa in piena difficoltà su un campo difficile da espugnare. Il punteggio alla fine dei 70’ resta invariato e fa sorridere i locali che già da due settimane hanno ottenuto la permanenza nel massimo campionato regionale, così come i nerazzurri che nonostante non siano matematicamente salvi, in queste ultime tre partite rimaste, dovranno dare il meglio di loro stessi, anche perché le sfide che seguiranno non saranno affatto facili: i 2004 dovranno vedersela domenica in casa con la terza della classe Accademia Calcio Roma in corsa per la conferma della disputa per i playoff, poi domenica 28 aprile in trasferta contro un’Ottavia nona in classifica già salva, per poi chiudere al Di Ianne la regular season con la quinta forza del girone Tor di Quinto in piena corsa per il terzo posto distante quattro punti. Insomma, serve un'impresa per fare risultato con queste compagni che sicuramente venderanno cara la palle, oltre a un Civitavecchia che non sta bene né mentalmente e tantomeno fisicamente, perché riprendersi da un periodo negativo che ha regalato sei sconfitte non è la cosa più semplice del mondo. A sei punti insegue il Certosa, che dovrà incontrare Urbetevere, Ladispoli e Spes Artiglio: compagini che accendono speranze ai nerazzurri, ma è ancora tutto in discussione. Attualmente bisogna raccontare la realtà dei fatti che dice Civitavecchia Calcio salvo, ma c’è l’alto rischio di finire nei playout. Tutto si deciderà nelle prossime tre partite, staremo a vedere, dopo due retrocessioni dirette nessuno vuole vedere indietreggiare l’Under 15.
Dopo quattro sconfitte di fila subendo la bellezza di diciassette gol, l’Under 14 Elite del tecnico Diego Michesi torna a prendere colore e a respirare. Un periodo veramente da dimenticare per i piccoli pupilli di Stefano Ambrosi che dal 2 marzo scorso non ci stavano capendo più niente, le sfide con Urbetevere, Ladispoli, Savio e Grifone Monteverde hanno fatto capire l’alto tasso tecnico che serve per poter competere nel palcoscenico Elite. Una partita quella di sabato del Vigor Sporting Center, che ha portato i genitori dei classe 2005 bianconeri a via Grotta di Gregna, nella bellissima zona dei Colli Aniene, ottimo punto strategico per trascorrere il post gara nei centri commerciali della zona. Una passeggiata, per chi l’ha fatta, sicuramente col sorriso sulle labbra, visto che i ragazzi sono usciti con un ottimo punto contro una squadra forte e ben attrezzata. Il match, che metteva di fronte Diego Michesi e Matteo Delle Fratte, tecnico blaugrana che nella gara di andata disputata ai Di Ianne l’otto dicembre scorso che tutti ricorderanno per quanto accaduto, prese quattro giornate di squalifica, è stato bello, intenso, pieno di giocate, azioni e super gesti tecnici che hanno fatto divertire i presenti. I primi 35’ sono tutti di marca rossoblu, con il centrocampista Buonocore che su calcio di punizione segna la rete del vantaggio, complice uno Janku non troppo perfetto. I locali prendono coraggio, si nota dalle tribune che vogliono raddoppiare e portarsi a casa i tre punti, fatto sta che al 20’ arriva il raddoppio firmato da Pagliarini con un destro micidiale che non dà scampo al portiere civitavecchiese. La Leocon al duplice fischio risulta non pervenuta, l’unico avvicinamento alla porta locale è quello di Cultrera che però si fa incantare dall’estremo difensore Procesi. Nel secondo tempo cambia tutto, dai moduli agli assetti, mister Delle Fratte con gli ingressi di Joseph Biondi, Lolli, Conte e Asyrankulov passa dal 4-3-3 al 5-3-2 per difendere il risultato e riscattarsi dall’1-0 dell’andata, mentre Michesi è fiducioso delle sua rosa schierata dall’inizio e in effetti non ha tutti i torti, perché poco dopo Troiani gli dà ragione accorciando al 12’ le distanze, approfittando di un clamoroso svarione dei difensori blaugrana. I bianconeri capiscono che è il momento di premere il piede sull’acceleratore, ci arriva anche Michesi che mette dentro Elisei al posto di Sargolini, Criscio per Cristiano, Santi per Belloni, Velardo prende il posto di Giuli e Cangani per Matteo Michesi. Cinque sostituzioni da 10 in pagella, i subentrati ribaltano la situazione sia sul piano del gioco che delle occasioni, visto che dal quarto d’ora cominciano ad arrivare le vere occasioni da gol, prima con Elisei che si vede respingere il forte tiro di destro e dopo con Fabbri che va veramente vicino al 2-2, ma ancora una volta Procesi compie il miracolo di giornata. La Perconti reagisce tardi, ma i tiri di Claudi e Pagliarini non preoccupano più di tanto Janku. Non finisce qui, perché poi succede l’incredibile, in particolar modo nel recupero: quando tutto sembra terminare sul 2-1 per i locali, che dalla mezz’ora, a cinque minuti dal termine non facevano altro che girare il pallone per ottenere i tre punti, ecco la beffa per i piccoli del presidente Perconti: Troiani dopo aver stoppato in pallone, dribbla Antonuccio, entra in area e nel momento in cui cerca di scattarsi anche Joseph Biondi, Mengoli di Roma 2 al 38’, terzo e ultimo minuto di recupero, assegna il penalty alla Leocon. Inutile le proteste dei giocatori e dei tifosi, dal dischetto è già pronto Elisei che con una freddezza gela il portiere della Vigor Perconti, fa impazzire i propri tifosi e chiude il match sul 2-2, scrivendo sul libro della società un record che fa bene a tutti i vertici, vale a dire che i classe 2005 non hanno mai perso con una delle società più titolate di Roma. Un punto che fa bene al morale, soprattutto all’umore di mister Michesi che veniva da un periodo negativo. Un risultato che dovrebbe ridare fiducia all’intero organico, visto che ora gli spetta un’ultima tranche di stagione complicatissima, perché il gruppo staziona al terzultimo posto in classifica in piena zona playout con 16 punti all’attivo a -7 dalla salvezza diretta insieme all’Aurelio Roma Academy che sabato dovrà incontrare il team di patron Ambrosi, poi Romulea e Ostiamare. Discorso molto complicato, invece, per i bianconeri che d’ora in  poi contro Aurelio Roma Academy, Giardinetti e Romulea dovranno assolutamente ottenere punti. Se sabato al Di Ianne i tirrenici perderanno lo scontro direttissimo contro l’Aurelio, l’Under 14 Elite sarà matematicamente nei playout che inizieranno dopo la fine della regular season fissata al 4 maggio. A dire la verità la questione sarebbe ancora più complessa, perché ci sarebbe da vedere anche i risultati che maturerà la Totti Soccer School, momentaneamente salva, che dovrà affrontare in fila Urbetevere, Savio e Vigor Perconti, tutti scontri difficili che potrebbero far gioire i bianconeri della Leocon che allo stesso tempo, però, dovranno ottenere almeno sette punti nelle ultime tre partite, probabilità molto difficile, sia chiaro, altrimenti a fine maggio si giocherà la lotteria dei playout.
Sempre più straordinaria l’Under 16 regionale e di conseguenza sempre più lungimirante il percorso del bravissimo allenatore Mauro Zampollini che dopo aver asfaltato per 4-1 la diretta concorrente Calcio Tuscia grazie alla doppietta di De Martino e alle reti di Zagami e Animobono, consolida la terza piazza, valida per i playoff con 46 punti all’attivo a +5 proprio dal Calcio Tuscia e a -4 dal secondo posto. Negli ultimi tre match sarà importante mantenere questo passo per cercare di guadagnare una delle categorie Elite perse.
L’Under 15 regionale di mister Michele Romano impatta 1-1 in casa contro il Vis Aurelia e resta, a cinque match dal termine, al terzultimo posto della lista con 14 punti insieme al Massimina a -15 dalla salvezza diretta.
L’Under 14 regionale del tecnico Nello Savino tra le mura amiche perde 2-1 con la seconda forza del girone Sff Atletico e resta al quartultimo posto in classifica con 21 lunghezze a -7 dalla gloria.
L’Under 19 provinciale di Luca Mariantoni conquista un bellissimo secondo successo stagionale battendo per 5-3 il Cross Roads. Vittoria che porta i 2001 al terzultimo posto in classifica del girone B.
Spazio ora agli allenamenti delle squadre che dovranno cercare di raggiungere i propri obiettivi, sperando in numerose belle notizie.

(03 Apr 2019)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy