Home » » Un farmaco antidiabete rallenta l’arteriosclerosi

 

Un farmaco antidiabete rallenta l’arteriosclerosi

Al Congresso Sid presentate le promesse dei Dpp4-inibitori

Rallentare la progressione dell’aterosclerosi nei malati di diabete di tipo 2. E al contempo alleggerire l’impatto della patologia sulle casse del Servizio sanitario nazionale, attraverso una maggiore aderenza terapeutica, una possibile riduzione del rischio di mortalità rispetto a medicinali meno recenti e un aumento degli anni guadagnati dal paziente grazie al trattamento, corretti per la qualità della vita. Sono le promesse degli antidiabetici inibitori dell’enzima Dpp-4, farmaci protagonisti di un evento promosso da Msd e Sigma-tau a Rimini, nell’ambito del 26esimo Congresso nazionale della Società italiana di diabetologia (Sid). Al centro del dibattito il sitagliptin, il più studiato all’interno della famiglia di ipoglicemizzanti orali alla quale appartiene. «Stiamo vivendo un periodo di scarse risorse economiche, una situazione oggettivamente difficile anche dal punto di vista dei fondi destinati alla sanità», spiega Riccardo Bonadonna, Dipartimento di Medicina clinica e sperimentale dell’università e dell’azienda ospedaliero-universitaria di Parma. «Si pensi solo - osserva l’esperto - che l’andamento del Pil italiano dal 1990 al 2013, rispetto al trend registrato nelle nazioni con cui ci confrontiamo, mostra che il nostro Paese sconta oggi un gap negativo per almeno 10 mila euro a testa. Una riduzione di circa il 25% delle risorse disponibili», da cui deriva l’importanza di ottimizzarne al meglio l’impiego, scegliendo cure efficaci e vantaggiose sia per il paziente sia per il sistema. Come? Uno dei parametri chiave è l’aderenza del paziente al trattamento prescritto, perché «maggiore è l’aderenza terapeutica - ricorda Bonadonna - maggiore è l’efficacia della cura, minori sono i ricoveri in ospedale e inferiori sono i costi sanitari. Per il diabete è stato calcolato che, per centrare gli obiettivi clinici ed economici, il parametro amministrativo che esprime l’aderenza terapeutica (Pdc) deve superare l’80%. E gli studi hanno dimostrato che con sitagliptin la percentuale di pazienti sopra questa soglia è più alta». Il tutto a fronte di «un profilo di sicurezza certificato» dalle evidenze scientifiche.

(15 May 2016)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy