Home » » Tumore al pancreas, un farmaco dimezza la progressione

 

Tumore al pancreas, un farmaco dimezza la progressione

Presentato in anteprima un medicinale che per la prima volta riduce il rischio del 47%

Per la prima volta nel tumore del pancreas una cura migliora la sopravvivenza libera da progressione della malattia. Si chiama olaparib, inibisce l’enzima Parp e, nei pazienti con mutazione dei geni Brca1 e/o Brca2 - i cosiddetti geni ‘Jolie’ dal nome dell’attrice che ha deciso di operarsi preventivamente a seno e ovaie - ha ridotto del 47% il rischio di progressione del cancro. A 2 anni, il 22,1% delle persone trattate con olaparib era libero da progressione di malattia, rispetto al 9,6% con placebo. Sono i dati principali dello studio internazionale di fase III Polo, presentati in seduta plenaria al 55esimo congresso Asco (American Society of Clinical Oncology) in corso a Chicago e pubblicati sul ‘New England Journal of Medicine’. Polo è il primo studio randomizzato di fase III a stabilire «un approccio guidato dai biomarcatori nel trattamento della metastasi del cancro del pancreas, e apre le porte a una nuova era di cura personalizzata per questo tumore difficile da trattare», ha sottolineato l’autore principale dello studio Hedy L. Kindler, professore di Medicina alla University of Chicago Medicine. Lo studio vede protagonisti per l’Italia Giampaolo Tortora, professore ordinario di Oncologia medica all’Università Cattolica e direttore del Comprehensive Cancer Center della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Irccs di Roma, e Michele Reni, responsabile dell’Area di ricerca sui tumori del pancreas dell’Ospedale San Raffaele Irccs di Milano. Il trial è iniziato ed è stato in buona parte svolto da Tortora presso l’Università di Verona, prima di approdare a Roma alla Cattolica e al Gemelli dove la ricerca è stata completata. Polo è uno studio di fase III randomizzato in doppio cieco verso placebo, su pazienti con adenocarcinoma del pancreas con mutazione nei geni Brca1 e/o Brca2 (gBrcam) sottoposti per almeno 16 settimane a chemioterapia.

(04 Giu 2019 - Ore 13:21)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy