Home » » Tentato furto in appartamento: tre arresti della Volante

 

Tentato furto in appartamento: tre arresti della Volante

BRINDISI - Intorno le 17:00 di ieri la sala operativa della Questura riceveva notizia di due soggetti che stavano tentando di scardinare la porta di un’abitazione e di un terzo in funzione di vigilanza fuori a fungere da c.d. palo. Sul posto venivano inviate la Volante di zona e la pattuglia del poliziotto di quartiere, che si trovava nelle immediate vicinanze. Gli operatori all’arrivo notavano un uomo fermo nelle vicinanze di una Fiat 500L di colore grigio parcheggiata di fronte all’indirizzo segnalato, il quale alla vista del personale faceva una telefonata buttando subito dopo il cellulare a terra nel tentativo di distruggerlo, per spostarsi subito dopo verso un’ autovettura VW Tiguan parcheggiata poco distante. Il comportamento non sfuggiva agli operatori che prontamente bloccavano il palo. Subito dopo dal condominio segnalato uscivano due persone che incuranti della situazione cercavano di avvicinarsi all’autovettura Fiat Cinquecento indicata; contestualmente uno dei due abbandonava un cacciavite gettandolo per terra tra il marciapiede e la fiancata di detta vettura; anche questo gesto non sfuggiva all’attenzione del personale operante, che provvedeva a bloccare i due soggetti, identificandoli compiutamente, provvedendo al recupero e sequestro del cacciavite. I tre soggetti, dichiaravano essere rappresentanti di una nota ditta di vendita al domicilio, e stavano effettuando delle vendite porta a porta; alle obiezioni degli operatori non erano in grado di esibire l’appartenenza a questa nota azienda, né esibivano alcuna formale procura o il possesso di tesserini di appartenenza. Con l’ausilio di un’altra volante giunta sul posto, si procedeva al controllo della Fiat 500 L, nel cui bagagliaio si rinveniva una scatola sigillata contenente un’aspirapolvere molto simile al più noto originale, riportante anche un marchio dal nome ingannevole.Venivano poi rinvenute alcune telecamere finte contenenti dei pesi in metallo all’interno tanto da simulare un peso realistico dell’oggetto. Venivano inoltre rinvenute statuette raffiguranti il Pontefice, verniciate in colore argento. Tutto quanto rinvenuto è da considerare utilizzabile per truffare ignari acquirenti e pertanto veniva sottoposto a sequestro. Recuperato anche il telefono cellulare che il palo aveva tentato di distruggere, per gli operatori ancora acceso e funzionante con l’ultimo numero chiamato ancora sullo schermo. Il chiamato era uno degli altri due complici usciti dal condominio. Dalla telecamera del condominio è stato estrapolato in tarda serata un filmato che ritrae i due mentre forzano la porta dell’immobile preso di mira. Il sopralluogo effettuato all’interno del condominio, consentiva di accertare evidenti segni di forzatura alla porta dell’appartamento sito al primo piano, compatibili con l’uso del cacciavite ritrovato e sequestrato.

 

LADRI INCHIODATI DALLE TELECAMERE


La porta era stata aperta e parti della serratura forzata poggiate su un vicino vaso. Dalla successiva visione del filmato, si notano chiaramente i due che forzano la porta di ingresso per poi accedere all’interno dell’appartamento e uscirne dopo soli pochi secondi , ciò solo perché avevano ricevuto il segnale della presenza della Polizia. Veniva richiesto l’intervento di personale della Polizia Scientifica per i rilievi di competenza.I tre risultano annoverare precedenti di polizia, in particolare per truffa e per reati contro il patrimonio, oltre ad essere stati rimpatriati con foglio di via obbligatorio da numerosi comuni verso il comune di residenza. Dell’avvenuto arresto veniva notiziato  il PM di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Brindisi, oltre ai familiari e al legale di fiducia nominato dai tre. (Agg. 8/03 ore 18,55)

 

 

SEQUESTRATE DUE AUTOVETTURE


Al termine delle formalità di rito i tre venivano associati alla Casa Circondariale in attesa dell’udienza di convalida. Le autovetture VW TIGUAN e la FIAT 500L venivano pure sottoposte a sequestro ed affidate in giudiziale custodia. (Agg. 8/03 ore 19,08)

(08 Mar 2018 - Ore 18:47)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

  • Luci e ombre della Multiservizi

    15 Dic 2018 - Al conseguimento di utili si contrappone il disagio delle maestranze delle farmacie comunali. Da tempo lamentano condizioni di lavoro gravato da turni impossibili a causa di personale licenziato o pensionato che non è stato mai reintegrato; tagli persino sui buoni pasto e mancato riconoscimento dei premi di produzione   

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy