LUNEDì 19 Agosto 2019 - Aggiornato alle 20:35

Home » » Tari, è caccia agli evasori

 

Tari, è caccia agli evasori

Si procederà con l'incrocio delle banche dati per individuare i “furbetti”. Secondo le prime stime sarebbero 4mila le persone “sconosciute” per 3milioni di euro da incassare

LADISPOLI – E' ancora caccia agli “evasori” al comune di Ladispoli. Dopo mensa e acqua ora a finire nel mirino dell'amministrazione comunale sono gli evasori Tari. C'è chi la tassa sul servizio di igiene pubblica non l'ha mai pagata e c'è chi invece ha pagato meno rispetto a quanto avrebbe dovuto. Un residente in meno, una casa che agli atti risulta “vuota” e che magari è occupata da più persone. Sebbene ad oggi, infatti, per ottenere la residenza l'iter burocratico comprende anche la compilazione dei fogli all'ufficio tributi, prima l'iter funzionava in maniera diversa. E così è capitato che qualche “furbetto” sia sfuggito ai controlli necessari. (agg. 26/09 ore 8.39) segue

4MILA UTENTI SCONOSCIUTI. Per porre rimedio alla situazione che negli anni avrebbe prodotto, come stimato a grandi linee dall'assessore al Bilancio Claudio Aronica e dai tecnici preposti, circa 4mila persone sconosciute, per circa 3milioni di euro in meno nelle casse del Comune, l'amministrazione ha deciso di affidare tramite trattativa diretta sul Mepa, il servizio allineamento dei nuclei Tari del Comune. L'obiettivo è semplice: scovare, attraverso l'incrocio delle banche dati, di tutti i nuclei familiari dei residenti “di cui alcun componente risulti intestatario di utenze Tari di categoria domestica abitativa – si legge nella determina – e far sì che l'Ufficio Tributi possa procedere all'emissione di idonei atti di accertamento volti al recupero della tassa evasa nel corso degli anni”. (agg. 26/09 ore 9)

SI RISCUOTERA' DAL 2013. Sebbene la situazione di “morosità” possa interessare anche diversi anni precedenti a quello attuale, l'amministrazione non potrà andare oltre il 2013 (i cinque anni canonici prima della prescrizione). E per cercare di incassare quanto dovuto fino all'ultimo centesimo, si conta di ultimare il lavoro di incrocio dei dati entro la fine dell'anno. L'obiettivo è infatti quello di mandare i solleciti di pagamento entro e non oltre dicembre. Pena l'esclusione dell'anno 2013 dalle richieste di pagamento che l'amministrazione potrà mandare direttamente agli evasori del tributo. (agg. 26/09 ore 9.30)

(26 Set 2018 - Ore 08:39)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

  • Blitz di Goletta Verde al largo di Tvn

    10 Ago 2019 - Esposto uno striscione con scritto "Nemico del clima". Legambiente: "Nel Lazio sono pari a 11,5 milioni di tonnellate le emissioni della produzione energetica da fonti fossili, il 78,5% provenienti dalla ciminiera di Civitavecchia" 

  • Servizio irriguo, garantito fino al termine della stagione

    07 Ago 2019 - Il sindaco annuncia che ha ufficialmente richiesto alla Multiservizi la proroga al 30 settembre. Pascucci: «In autunno sarà necessario trovare delle soluzioni alternative»  

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy