LUNEDì 16 Dicembre 2019 - Aggiornato alle 13:47

Home » » Super cellule T killer del cancro

 

Super cellule T killer del cancro

Allo studio una tecnologia per combattere i tumori del sangue e quelli solidi

Una tecnologia che funziona come «occhiali speciali: permette alle cellule T, i killer più potenti nel sistema immunitario, di vedere finalmente nemici prima invisibili, le cellule tumorali, per poi scatenarsi» contro di loro. «In pratica, abbiamo capito come potenziare queste cellule guardiane rendendole super cellule T: i serial killer delle cellule tumorali». Descrive così la sfida della piattaforma immuno-oncologica Bite* (Biospecific T cell engager) il suo inventore, Peter Kufer, direttore dell’Amgen Research Munich. Consente di sviluppare anticorpi a doppio bersaglio che potenziano la capacità del sistema immunitario di contrastare i tumori. Già approvati contro la leucemia linfoblastica acuta (Lla), questi anticorpi bispecifici sono attualmente una dozzina allo studio in 7 altri tumori, ematologici e solidi: dal mieloma multiplo al cancro alla prostata, dal glioblastoma al carcinoma polmonare a piccole cellule. «E’ un approccio versatile con un potenziale terapeutico contro molte neoplasie», ha spiegato Kufer durante una visita al sito di Monaco di Baviera, dove la piattaforma è stata ideata nel 1994. Allora il centro era uno spin-off dell’Università di Monaco, la Micromet, acquisita da Amgen nel 2012. «Cercavamo un modo per rendere riconoscibili le cellule tumorali - ha raccontato Kufer - Ci siamo riusciti ingegnerizzando gli anticorpi e dotandoli di due braccia». Queste consentono alle cellule T di riconoscere la cellula tumorale bersaglio, legarsi ad antigeni specifici e rilasciare tossine che ne provocano la morte. «Abbiamo diverse migliaia di pazienti in trattamento nel mondo con risultati molto interessanti», ha sottolineato Isma Benattia, vice president Europe Medical Amgen. Il primo anticorpo Bite, blinatumomab, è autorizzato per la Lla. Risultati presentati al Congresso annuale dell’European Ematology Association mostrano che oltre la metà dei pazienti che avevano ottenuto una negativizzazione dopo il primo ciclo di trattamento era ancora in vita a 5 anni.

(12 Lug 2019 - Ore 08:18)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy