Home » » ''Sì all'impianto per la produzione del biometano''

 

''Sì all'impianto per la produzione del biometano''

TARQUINIA - Che i cambiamenti climatici colpiscano più duramente il Mediterraneo ce lo dice la scienza, Il Nostro  Mare Nostrum sta rispondendo al global warming molto rapidamente. In particolare, l’evaporazione è maggiore di precipitazioni e apporti fluviali, temperatura e salinità aumentano ad un tasso due volte e mezzo maggiore rispetto alla seconda metà del XX secolo e superiore a quello degli oceani. Ciò significa che dobbiamo assolutamente contenere le emissioni di CO2 . Quindi, come Ambientalisti, non dobbiamo promuovere le “partigianerie e le forche” ma operare  per aiutare  il Pianeta a mantenere a basse le percentuali di PPM di carbonio che la scorsa  Estate per la prima volta ed in tutto il Pianeta hanno registrato:concentrazioni di anidride carbonica nell’atmosfera con una  mediadi 410 ppm (parti per milione), Vale ricordare che questo fenomeno, oltre ad “averci regalato” un 2018 come “anno più caldo da quando l’uomo è in grado di rilevare la temperatura” con 1,58° C.in più, può portare altri tre pericolosi passaggi: 1) Innalzamento dei mari (che è in corso) con l’acqua salata che miscelandosi con l’acqua potabile (che sulla Terra è pari al 3% sul 100%) diventa salmastra , dando origine al secondo fenomeno 2) la distruzione della catena alimentare a cui segue il terzo passaggio 3)la famosa estinzione del genere umano sulla Terra.(ll Ns CNR-ENEA che ha un budget da 300  milioni  di euro/anno per le ricerche prevede questo fenomeno probabilmente entro questo secolo). Non  a caso l’Unione Europea nel Marzo 2018 ha emanato una direttiva tramite la quale, in attesa degli sviluppi del progetto mondiale ITER ( i primi dovrebbero essere disponibili nel 2037) per la produzione di energia pulita per i prossimi 22,000 anni sul Pianeta, usando l’acqua, tutti gli Stati Membri sono tenuti sostituire dal 2018 al 2050  i “combustibili fossili” con i biocarburanti .  biometano e biocarburanti ottenuti da rifiuti, residui agricoli e alghe,tanto che  avendo il biometano costi di produzione molto più elevati rispetto ai combustibili fossili,il MISE ha adottato questa direttiva Europea.  
La Gazzetta Ufficiale n. 65 del 19 marzo ha riportato il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 2 marzo 2018 “Promozione dell’uso del biometano e degli altri biocarburanti avanzati nel settore dei trasporti”.Incentivi per 4,7 miliardi di euro di durata ventennale, lo scopo è quello di ridurre le emissioni di C02 nell’atmosfera  di un 30% nel periodo 2018-2050,  salvare almeno 150,000  vite umane/anno  dalle 500,000 morti premature provocate da inquinamento dell’aria, dell’acqua del suolo in  Europa,dove l’Italia detiene “purtroppo” il record con 100,000 morti premature/anno. Quindi non usando combustibili fossili per autotrazione o produzione di energia  usando biometano e biocarburanti che non emettono C02 eviteremmo di emettere in atmosfera  ben  5 Giga Tonnellate  di C02 (5 miliardi di tonnellate). Detto ciò, il Progetto del Consorzio Pellicano di Tarquinia, intende realizzare un impianto a biogas anaerobico (senza combustione) al fine di produrre biometano avanzato per autotrazione e/o per messa in rete (gas), significa importare meno combustibili fossili,quindi noi  come Coordinamento Ambiente Tuscia siamo assolutamente favorevoli a questo tipo di impianti “salva pianeta” nell’egida dell’economia circolare realmente applicata.Constatiamo che mentre nel Nord Italia il ciclo della Filiera dei “rifiuti umidi” è quasi completo con la realizzazione di parecchi impianti a  biogas, nel Centro Sud sia quasi inesistente,regalandoci uno scenario da Est Europa dove la  FORSU Viene interrata, qui da noi  si fa lo stesso,si interra, una perdita economica incalcolabile che oltretutto non permette ai  Comuni il taglio del 20% dell’ecotassa come legiferato dall’Europa,a pagare è sempre il cittadino  in ogni caso!!  Avendo un Comitato Scientifico d’eccellenza, siamo come  Coordinamento Ambiente Tuscia, favorevoli a convegni sul tema per fare luce  sulla filiera dei biocarburanti da rifiuti e da agricoltura sostenibile che porterebbe  nella Tuscia15,000 posti di lavoro ed un PIL da1,5 miliardi di euro/anno producendo  biocarburanti e prodotti agricoli di qualità tramite quella rotazione delle colture agricole inventate dagli “Etruschi” di cui Tarquinia ne era la capitale nel III°Sec. A.C. 
Dopo “l’annuncite cronica” di alcune Forze politiche che”una volta vinte le  elezioni, avrebbero  chiuso il 30° Impianto più inquinante del Mondo (la centrale termoelettrica  di Civitavecchia) che ogni anno “brucia” oltre 4,5 milioni di tonnellate di  carbone per produrre energia elettrica producendo nel quadrilatero Civitavecchia- Tarquinia-Tolfa-Allumiere oltre 900 morti premature/anno (studio epidemiologico Regionale 2012) e  patologie tumorali e croniche di 3 individui  su 5 (Registro Tumori ASL), Co nl’Estate 2019 che richiederà più energia elettrica per l’innalzamento climatico  per parecchi  GWche saranno prodotti “bruciando” carbone,calce, gesso e rifiuti tutto ciò è inaccettabile, calcolando anche che  a Civitavecchia  è presente la quarta causa di inquinamento del Pianeta  dovuta  al traffico navale e che  a Tarquinia le centraline di rilevamento delle  emissioni  inquinanti (come dichiarato in Consiglio Comunale da alcuni Consiglieri) sono nei magazzini Comunali invece di essere al loro posto.

(07 Feb 2019 - Ore 10:22)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

  • Blitz di Goletta Verde al largo di Tvn

    10 Ago 2019 - Esposto uno striscione con scritto "Nemico del clima". Legambiente: "Nel Lazio sono pari a 11,5 milioni di tonnellate le emissioni della produzione energetica da fonti fossili, il 78,5% provenienti dalla ciminiera di Civitavecchia" 

  • Servizio irriguo, garantito fino al termine della stagione

    07 Ago 2019 - Il sindaco annuncia che ha ufficialmente richiesto alla Multiservizi la proroga al 30 settembre. Pascucci: «In autunno sarà necessario trovare delle soluzioni alternative»  

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy