Home » » Secondo pozzo a Statua, lavori avanti tutta

 

Secondo pozzo a Statua, lavori avanti tutta

I lavori dovrebbero ultimarsi entro la fine di maggio con il nuovo pozzo pronto a essere collegato all'impianto idrico già esistente

LADISPOLI – Dopo i rallentamenti iniziali la realizzazione del secondo pozzo a Statua è finalmente cominciata. Nei mesi scorsi, infatti, come si ricorderà, Città Metropolitana aveva proceduto all'indizione della gara pubblica per l'individuazione della ditta che si sarebbe occupata dei lavori. Iter bloccato per dare la possibilità all'amministrazione di aggiungere, all'interno del bando, qualche condizione in più per la selezione dell'impresa che si sarebbe dovuta occupare del lavoro. E proprio in questi giorni a Statua è di fatto partita la prima fase delle operazioni di scavo. La ditta sta infatti procedendo alla realizzazione della parte di testa. Nei prossimi giorni invece si dovrebbe procedere con l'avvio delle perforazioni in profondità. I lavori dovrebbero ultimarsi entro la fine di maggio con il nuovo pozzo pronto a essere collegato all'impianto idrico già esistente. Ovviamente contestualmente ai lavori di scavo i tecnici e personale specializzato sta effettuando costanti rilievi per controllare la qualità dell'acqua.
Con la realizzazione del secondo pozzo la città potrà contare su una risorsa idrica in più che garantirà alle utenze di avere dei rubinetti sempre riforniti, anche e in particolar modo in estate, quando la popolazione in città aumenta per via dei vacanzieri e la portata idrica potrebbe subire degli abbassamenti di pressione. Con la realizzazione del secondo pozzo infatti, la quantità d'acqua in arrivo all'impianto idrico sarà decisamente superiore rispetto al passato così da garantire un flusso regolare 365 giorni all'anno, grazie ai suoi 100 litri al secondo. Come spiegato dal delegato alle risorse idriche Filippo Moretti, infatti, il secondo pozzo lavorerà al 70-80% della sua potenzialità permettendo così alla città di poter contare su una riserva idrica “di scorta” in caso di emergenza. Il primo pozzo invece non sarà completamente dismesso, ma lavorerà a regime più contenuto. L'introduzione del secondo pozzo, inoltre, consentirà di migliorare la qualità dell'acqua utilizzata. Come si ricorderà infatti, Ladispoli preleva le sue risorse idriche in parte dalle fonti di Castel Giuliano, in parte dal pozzo Statua e in una piccola percentuale dall'acquedotto di Acea. Le varie risorse vengono successivamente fatte confluire all'impianto di potabilizzazione per la miscelazione e immissione nella rete idrica.
Unica eccezione è quella di Monteroni. Qui ad arrivare direttamente nei rubinetti di casa è l'acqua proveniente dal pozzo Statua la cui salinità negli anni ha superato la soglia consentita dai parametri di legge, tanto da obbligare il primo cittadino a emettere ordinanza di non potabilità dell'acqua per l'intera zona. La realizzazione del secondo pozzo potrebbe risolvere il “problema Monteroni” ma prima di sapere se ciò sarà possibile l'opera dovrà essere completata. Ma a rassicurare i cittadini della zona è il delegato Moretti: «Non ci siamo dimenticati dei Monteroni e stiamo continuando a lavorare per risolvere definitivamente il problema. Al di là del passaggio o meno ad Acea Ato 2 – ha tenuto a sottolineare Moretti – noi proseguiremo con la realizzazione di queste opere volte al miglioramento della qualità del servizio. Il nuovo pozzo – ha poi sottolineato ancora Moretti – è stato studiato per alleggerire il prelievo da quello storicamente utilizzato, con l'auspicio che il ridotto prelievo, distribuito tra due pozzi, possa consentire di riflesso, anche la riduzione della presenza dei cloruri, problema che fino a oggi ha determinato l'imposizione dell'ordinanza di non potabilità per la zona Monteroni. Lo studio e la realizzazione di questa nuova infrastruttura sono stati condotti dal nostro ufficio lavori pubblici guidato dall’ingegnere Paolo Pravato, con il contributo di tecnici esterni esperti e di enti di ricerca che lo hanno considerato un vero e proprio caso di studio».

«Più in generale - ha concluso Moretti - la manutenzione ed il potenziamento delle strutture del sistema idrico cittadino sono continui e gli interventi si estendono anche al depuratore ed agli impianti del sistema fognario Sono impegni tecnici ed economici veramente importanti ma che danno come ritorno disponibilità e qualità dell’acqua potabile e che contribuiscono in maniera determinante alla balneabilità del nostro mare».

 

(08 May 2019 - Ore 13:51)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

  • Blitz di Goletta Verde al largo di Tvn

    10 Ago 2019 - Esposto uno striscione con scritto "Nemico del clima". Legambiente: "Nel Lazio sono pari a 11,5 milioni di tonnellate le emissioni della produzione energetica da fonti fossili, il 78,5% provenienti dalla ciminiera di Civitavecchia" 

  • Servizio irriguo, garantito fino al termine della stagione

    07 Ago 2019 - Il sindaco annuncia che ha ufficialmente richiesto alla Multiservizi la proroga al 30 settembre. Pascucci: «In autunno sarà necessario trovare delle soluzioni alternative»  

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy