Home » » Rubavano nei negozi di via Garbini: fratelli in manette

 

Rubavano nei negozi di via Garbini: fratelli in manette

VITERBO - Durante tutta la serata dell’11 novembre si aggiravano per gli esercizi commerciali di via Garbini a Viterbo con l’intenzione di rubare capi di abbigliamento.

Stavolta a finire in manette sono stati due fratelli di Vetralla, lei classe ’88, pregiudicata e lui del ’96, arrestati per furto in esercizio commerciale dai militari della locale Stazione dei Carabinieri a seguito di un intervento comandato dalla Centrale Operativa allertata dai commessi dell’attività commerciale “Il Mercatino dell’Usato” di via Garbini.

I Carabinieri hanno denunciato anche la fidanzata del ragazzo che ha collaborato con loro, tra l’altro minorenne e che, all’interno del disegno criminoso, era il braccio destro della cognata.

A tradirli è stata l’attivazione dell’allarme posto all’uscita dell’esercizio commerciale. Suonato l’allarme, i commessi, già insospettiti dagli strani movimenti delle due ragazze, le quali nonsi sono mai perse di vista e si spostavano sempre insieme per il negozio con atteggiamenti ambigui, le hanno bloccate all’istante e non hanno esitato a chiamare il 112.

Arrivati immediatamente sul posto, i militari hanno subito identificato i tre giovani. La donna, con precedenti per lo stesso reato, aveva già riconsegnato due dei capi di abbigliamento sottratti all’attività commerciale e i relativi dispositivi antitaccheggio.

Il successivo sopralluogo effettuato dai militari, ha permesso di ritrovare, in uno dei camerini del negozio, un cartellino evidentemente rimosso dalla donna e dalla sua complice riconducibile ad uno dei capi di abbigliamento rubati.

Straniti dal fare dei ragazzi e visti i precedenti della donna, i Carabinieri hanno proceduto alla perquisizione della loro auto e, all’interno del portabagagli, hanno trovato altra merce tra cui maglioncini, felpe, pantaloni, capi rubati in un altro esercizio commerciale, ovvero “Shopping dell’usato 2” di via Dell’Agricoltura di Viterbo.

Inoltre, nella borsa che la donna portava a tracolla, sono state rinvenute un paio di forbici lunghe 26 centimetri utilizzate dalle ragazze per rimuovere i dispositivi antitaccheggio.

Infine, la merce rubata è stata successivamente restituita ai rispettivi esercizi commerciali.

 

(14 Nov 2017 - Ore 09:19)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
banner CivonSale
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005

Quotidiano telematico fondato nel 1999 - Editore SEAPRESS srl, c.f. 06832231002
Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471
Direttore responsabile Massimiliano Grasso - © Copyright 1999-2017 SEAPRESS - Privacy Policy