DOMENICA 22 Settembre 2019 - Aggiornato alle 05:51

Home » » Via Pinelli, per il gip niente dissequestro

 

Via Pinelli, per il gip niente dissequestro

Rimangono i sigilli alla palazzina. Protesta dei soci della cooperativa Alga 1964

CIVITAVECCHIA - ‘‘Non possiamo pagare le colpe di altri’’. Eloquente il messaggio riportato in uno degli striscioni affissi all’ingresso dello stabile sequestrato a via Pinelli, dagli acquirenti che a cinque mesi dal provvedimento giudiziario ancora non possono accedere alla struttura. In tanti questo pomeriggio hanno fatto sentire la loro voce, dopo il rigetto dell’istanza di dissequestro da parte della magistratura, presentata dai legali all’indomani della delibera votata in consiglio comunale. «Oggi non siamo qui per attribuire delle colpe - ha spiegato una signora sulla trentina - la nostra intenzione è quella di mettere in evidenza un problema di natura sociale, visto che continuiamo a pagare un mutuo senza sapere se e quando ci faranno entrare nelle case che abbiamo acquistato con sacrifici». Aumentano gli interessi per un’abitazione che non c’è, come ha chiarito un altro inquilino rimasto fuori dagli appartamenti di via Pinelli: «I tempi della giustizia purtroppo non coincidono con quelli della vita, speravamo in una soluzione veloce che purtroppo non c’è stata dopo l’approvazione della delibera consiliare. Ora chiederemo un incontro al Procuratore della Repubblica; senza avvocati, non vogliamo l’elemosina ma semplicemente rivendichiamo un nostro diritto». Al fianco dei cittadini il consigliere di minoranza Daniele Perello: «Chi ha sbagliato paghi - ha affermato - questa gente va tutelata». Gli ha fatto eco il collega del Partito democratico Alessio Gatti: «La \PROTESTAmagistratura deve andare avanti, chi ha comprato queste case non può pagare due volte». A scendere in strada anche la cooperativa Alga 64, rappresentata dal presidente e dal progettista. Quest’ultimo ha aggiunto nuovi tasselli al puzzle: «Siamo disponibili a cercare anche altre aree a compensazione - ha affermato - a patto che venga risolto il problema determinato dai disastri urbanistici causati dalle precedenti amministrazioni comunali. Dopo soli due anni le certezze date dal Comune alla cooperativa sono venute a mancare - ha proseguito - la colpa di certo non è dei cittadini».

(14 Mar 2009)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy