Home » » Mielodisplasie, 3mila casi over 70 l’anno

 

Mielodisplasie, 3mila casi over 70 l’anno

La diagnosi è spesso tardiva. l’Iss lancia la Giornata italiana

Colpiscono ogni anno 3 mila italiani over 70 causando anemia e possibile carenza di tutte le cellule del sangue, con il rischio di evolversi in leucemia acuta: si tratta delle sindromi mielodisplastiche (Mds), patologie causate da un’alterazione delle cellule staminali del midollo osseo, e spesso diagnosticate tardivamente. Malattie del sangue ancora oggi considerate rare, ma che, a causa dell’invecchiamento della popolazione, e grazie al progresso delle tecniche diagnostiche, appare sempre di più in preoccupante crescita. Se ne è parlato nel corso del convegno che si è tenuto all’Istituto superiore di sanità in occasione del Mds World Awarness Day, la ‘Giornata mondiale sulle sindromi mielodisplastiche’, organizzata dall’Associazione italiana dei pazienti con sindrome mielodisplastica - Aipasim Onlus, riferimento in Italia della Msd-Alliance, l’organismo internazionale che ha lo scopo di operare come sostegno per i pazienti colpiti dalla malattia. Uno dei problemi che accompagna l’insorgenza della sindrome - evidenziano gli esperti - è che nella fase iniziale, spesso, non produce sintomi evidenti e viene quindi diagnosticata troppo tardi, o per caso, grazie ad esami del sangue effettuati per altre ragioni: «La malattia si presenta con sintomi spesso molto subdoli e assolutamente poco specifici - spiega all’AdnKronos Salute Matteo Della Porta, professore di ematologia presso Humanitas University e Humanitas Cancer Center di Milano - Il sintomo presente in tutti i pazienti è l’anemia, meno frequentemente associata a calo di globuli bianchi e piastrine. Il secondo aspetto è il rischio variabile di evoluzione in leucemia acuta. Si tratta di malattie eterogenee - continua - in alcuni casi il decorso è indolente e compatibile con una normale aspettativa di vita, in altri casi la malattia è molto aggressiva». Fondamentale per questi pazienti è la possibilità di accedere ad una diagnosi accurata: «Non tutti ricevono un adeguato inquadramento diagnostico e una caratterizzazione definitiva e certa della malattia», sottolinea l’ematologo, e per quanto riguarda le terapie, le strategie dipendono dalle caratteristiche individuali del paziente: «In circa il 70% dei casi - precisa Della Porta - il problema principale è l’insufficienza midollare e in questi pazienti l’obiettivo è migliorare l’anemia, dannosa per tutti i nostri organi e soprattutto per il sistema cardio circolatorio. In questo contesto - osserva - negli ultimi anni si stanno affacciando dei farmaci molto importanti per il trattamento anemico».

(03 Nov 2017 - Ore 20:38)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Civitavecchia, L'occhio

Una combriccola (foto Mauro Mari)

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
banner CivonSale
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 - Editore SEAPRESS srl, c.f. 06832231002
Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471
Direttore responsabile Luca Grossi - © Copyright 1999-2018 SEAPRESS - Privacy Policy