MARTEDì 24 Aprile 2018 - Aggiornato alle 21:50

Home » » Malattie coronariche, un decesso su cinque

 

Malattie coronariche, un decesso su cinque

"Crea" indica le sfide da vincere nella prevenzione secondaria

Spezzare il ‘fil rouge’ che collega l’infiammazione alle malattie di cuore: è la nuova via indicata dalla ricerca per cercare di colpire il big killer numero uno «in Europa come negli Stati Uniti, dove un uomo o una donna su 2 ancora oggi muore per patologie cardiovascolari, e un uomo o una donna su 5 muore per malattie coronariche. La prima causa di decesso e di ospedalizzazione resta di gran lunga questa». Ma per contrastarla sul fronte della prevenzione secondaria, rivolta ai pazienti già sopravvissuti a un evento, «servono nuovi approcci perché con quelli seguiti finora abbiamo già ‘grattato il fondo’». Lo spiega Filippo Crea, ordinario di Cardiologia all’università Cattolica di Roma e direttore del Polo di Scienze cardiovascolari e toraciche della Fondazione Policlinico universitario Gemelli della Capitale. Parlando all’AdnKronos Salute in occasione del convegno ‘Armonizzare la ricerca e la pratica clinica per migliorare la prevenzione delle malattie cardiovascolari’, lo specialista ha ripercorso la storia del legame fra malattie cardiovascolari e infiammazione. Un cammino che parte da lontano e che 23 anni fa lo ha visto protagonista della scena mondiale insieme al suo gruppo. «Per primi, nel 1994 - ricorda - abbiamo dimostrato che almeno in alcuni pazienti le sindromi coronariche acute sono associate a un improvviso aumento della proteina C-reattiva», ‘spia’ di infiammazione fra le più note, e che «quando questo si verifica la prognosi è peggiore». Se è vero cioè che «l’infiammazione - precisa Crea - è collegata allo sviluppo dell’aterosclerosi fin dalle sue prime fasi», perché sono gli stessi fattori di rischio cardiovascolari a richiamare in loco «le cellule infiammatorie coinvolte nella placca aterosclerotica fin dall’esordio», l’infiammazione può anche fare la differenza tra la vita e la morte. In particolare fra una placca aterosclerotica che resterà per sempre stabile, dunque silente, e una che invece diventerà instabile fino a scatenare la formazione di un trombo e provocare ad esempio un infarto.

(02 Dic 2017 - Ore 18:52)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Civitavecchia, L'occhio

Nitticora (foto Giovanni Canu)

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
banner CivonSale
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy