Home » » L'otto settembre grillino partorisce la Csp

 

L'otto settembre grillino partorisce la Csp

Venne l’otto settembre. Mentre ovunque nel Paese questa data è ricordata per il più incredibile sfacelo d’Italia dopo l’armistizio ed il tracollo dell’intera Nazione, a Civitavecchia gli attuali amministratori, sedicenti studiosi, ma probabilmente a corto di libri di storia, hanno scelto proprio questo giorno quale miglior buon auspicio per avviare le attività della nuova CSP. Venerdì mattina, infatti, presso lo studio di un notaio romano è stata ‘‘certificata’’ la partenza della newco, con il trasferimento ufficiale dei rami di azienda e dei contratti di servizio di Hcs e delle sot.
E che la data del più grande disastro nazionale, non sia stata scelta a caso ma sia quasi profetica per la CSP, sembra confermato dallo stato di caos assoluto che regna negli uffici della società. La sede di Via Braccianese Claudia non esiste più. Parte degli uffici sono stati trasferiti a Villa Albani; parte al cimitero ed una altra parte ancora a Lungoporto Gramsci. Quando si dice la razionalizzazione. In effetti a Villa Albani il nostro inviato, scova una decina di dipendenti nel giardino che assistono ad un trasloco che definire confusionario è un eufemismo. A chi sia venuto in mente di trasferire tutti questi uffici in una struttura piena di vincoli di ogni tipo, non è dato sapere. I beni informati dicono che ideatore e regista della operazione sia l’ex Assessore Pantanelli che la ha coordinata in prima persona, non si sa bene poi a che titolo.
Insomma è l’8 settembre di HCS (adesso CSP), mentre nuvoloni neri si profilano all’orizzonte. Oltre alle a dir poco problematiche procedure di concordato per l’ultima (?) pagina delle vecchie società, la nuova parte con una indagine penale sulla serie di comunicazioni sconclusionate del datore di lavoro e sulle presunte estorsioni per convincere i dipendenti a firmare gli accordi individuali. Non contento De Leva, che aveva suscitato la pubblica ilarità con il telegramma in cui si dichiarava disponibile ad assumere i dipendenti «senza trattamento retributivo», ha corretto il tiro ed inviato un altro telegramma. La toppa è risultata peggio del buco. Nel nuovo telegramma si legge l’errata corrige: «senza elementi retributivi aggiuntivi». Aggiuntivi rispetto a cosa, non è dato sapere. Ma mentre si aspetta che qualcuno spieghi a De Leva che egli stesso ha assunto in Tribunale l’obbligo ad assumere i dipendenti con gli stessi elementi retributivi di oggi, e una violazione di quell’obbligazione farebbe saltare la società il 27 settembre, al mancato pagamento dei dipendenti, i problemi sembrano solo iniziati.
Sembra infatti che gli Ufficiali Giudiziari bussino, da qualche giorno, continuamente alla porta di CSP. Insomma tutti i debiti della gestione Micchi stanno rapidamente trasferendosi sulla nuova CSP. Le strampalate teorie dei 5 stelle, infatti, non reggono alla prova dei fatti. Ed il debito (soprattutto quello da lavoro dipendente) si sta trasferendo in quella che di fatto è già diventata HCS 2, come ampiamente previsto dalla Provincia.
Poi arriveranno i contenziosi, si ricorderà che Micchi non lesinò colpi di teatro e conseguenti citazioni per milioni di euro, a fronte delle quali i 10.000 euro di capitale di CSP probabilmente non sono già oggi più sufficiente ad evitare una imminente e nuova liquidazione stile HCS 1.
Insomma è l’8 settembre, il giorno del disastro epocale ... come diceva Alberto Sordi: «Tutti a casa». Anche senza aspettare l’esito del concordato ed i possibili fallimenti a catena di Hcs e sot.

(10 Set 2017 - Ore 11:04)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
banner CivonSale
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

  • "Gli addetti al servizio superiori al previsto"

    19 Set 2017 - AMBIENTE. Quanto afferma la Camassambiente in una nota inviata all’ufficio competente del comune di Cerveteri. L’azienda  giustifica così il mancato rinnovo contrattuale ai lavoratori assunti per esigenze estive. La città rimane comunque sporca e non si fa attenzione al rispetto del disciplinare tecnico sottoscritto

  • Arpa: "Migliora l’aria della città"

    18 Set 2017 - Dalle osservazioni effettuate dal 4 al 10 settembre risultano nei limiti le sostanze inquinanti. Buono anche il riscontro relativo alle polveri sottili e al monossido di carbonio. Molto significativo secondo i dati dell’agenzia regionale per la protezione ambientale il dato relativo all’ozono 

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005

Quotidiano telematico fondato nel 1999 - Editore SEAPRESS srl, c.f. 06832231002
Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471
Direttore responsabile Massimiliano Grasso - © Copyright 1999-2017 SEAPRESS - Privacy Policy