MERCOLEDì 19 Febbraio 2020 - Aggiornato alle 23:38

Home » » L'ex Gargana di nuovo un tugurio

 

L'ex Gargana di nuovo un tugurio

CIVITAVECCHIA - L’ultimo blitz degli uomini del commissariato di Viale della vittoria risale al 23 febbraio scorso, quando sgombrarono i locali dell’ex polisportiva Gargana occupati abusivamente da una ventina di rumeni, pregiudicati, con rispettive famiglie al seguito: donne, anziani e tanti bambini. Agosto 2009, sei mesi dopo, il tugurio è di nuovo abitato. La rete esterna è stata in gran parte tagliata e abbattuta, mentre le porte che erano state installate per inibire l’entrata sono state divelte e riutilizzate secondo canoni abitativi, per separare le stanze.Al momento del nostro ingresso nessuno era all’interno della struttura. All’interno il solito copione: rifiuti, degrado e immondizia di ogni tipo. L’ odore di escrementi nauseabondo si avverte già dalla strada e cumuli di rifiuti sono stati abbandonati ovunque.In una delle stanze ci siamo trovati davanti una scena inconfondibile: un materasso disteso a terra e pezzi di mobili fatiscenti sistemati alla buona. Sopra le lenzuola giacevano adagiati con cura un gruppetto di peluche luridi. Poco più in la bottiglie di succo di frutta e una sorta di fasciatoio. Sicuramente in quella spettrale ‘‘cameretta’’ ci passano la notte minori. Alcuni vicini giurano infatti di aver visto più di una volta aggirarsi all’esterno dell’edificio una donna con un bambino in fasce ed un altro figlio al seguito. Il tour continua. Nelle altre stanze cumuli di piatti e bicchieri di plastica usati di recente insieme a mucchi di scatolame. Spaventose le condizioni igienico sanitarie: una sedia alla quale è stato tolta la paglia utilizzata come water. All’esterno la folta vegetazione è un habitat perfetto per insetti, ratti e colonie di gatti randagi, molti dei quali ammalati ma nutriti probabilmente dagli stessi abitanti della ‘‘casa’’.Anche la nostra troupe una volta uscita all’esterno ha dovuto fare i conti con zecche e altri insetti, che probabilmente creano più di un problema agli abitanti vicini allo stabile, soprattutto in estate. Naturalmente giriamo la segnalazione agli organi competenti affinchè s’intervenga al più presto per la messa in sicurezza dello stabile pericolante.
Mat. Mar.

(26 Ago 2009)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Elisabetta Nibbio
Riproduzione riservata.
È vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy