SABATO 18 Novembre 2017 - Aggiornato alle 21:02

Home » » Lavora da casa: rischia il licenziamento

 

Lavora da casa: rischia il licenziamento

N. C., ex dipendente di Città pulita, ora di Csp, si trova attualmente nella sua abitazione per una sindrome ansioso depressiva con attacchi di panico aggravata dall’ultima comunicazione. Meschini: "Ha passato tutti quei dati necessari al regolare svolgimento dell’attività amministrativa. La Fiadel annuncia un’interrogazione parlamentare"

CIVITAVECCHIA - Dopo le lettere consegnate a casa dalla Polizia locale ora le contestazioni disciplinari. È il caso di N. C. portato all’attenzione dal responsabile dell’area nord di Roma della Fiadel Giacomo Meschini. All’ex dipendente di Città pulita, ora di Csp, viene contestato il fatto di aver lavorato da casa, nonostante la sua assenza dal luogo di lavoro per malattia. L’intera vicenda ha creando un grave stress emotivo a N. C. che attualmente si trova a casa per una sindrome ansioso depressiva con attacchi di panico. Tutto risale ad una mail ricevuta dal liquidatore Micchi in cui le veniva chiesto di precedere.  

"La signora N. C. - spiega Meschini - ha passato tutti quei dati necessari al regolare svolgimento dell’attività amministrativa. Mi sembra paradossale - prosegue il sindacalista - che l’attività svolta dalla signora N. C. non sia conosciuta da Francesco de Leva, visto che nella mail del 5 ottobre 2017 si evidenzia l’esistenza di un accordo tra gli amministratori per proseguire le attività delle Sot in concordato. I casi sono due - evidenzia - o de Leva non ha avuto comunicazione da Micchi e quindi, di conseguenza, il falso lo dice Micchi oppure ne è a conoscenza e fa comunque la contestazione, pertanto ritengo che, nel caso questa seconda opzione sia vera, il dottor de Leva si dovrebbe dimettere".  

Sarebbe stato solo il senso di responsabilità a spingere la donna a procedere da casa e sarebbe proprio questo quanto contestato. Una volta ricevuta la lettera N. C. è stata vittima di una grave crisi che l’ha costretta a recarsi in pronto soccorso. Meschini prosegue dicendo: "Dovevano passare i dati alla municipalizzata: se non lo avesse fatto avrebbe determinato la paralisi".

Il sindacato però non resta certo con le mani in mano. «Fiadel annuncia un’interrogazione parlamentare - continua Meschini - inoltre chiederemo accesso civico sulla procedura che ha portato alla nomina di de Leva. Inoltre - conclude - N. C. era candidata Rsu per il nostro sindacato».   

Fra.Bal.

(14 Nov 2017 - Ore 09:30)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
banner CivonSale
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005

Quotidiano telematico fondato nel 1999 - Editore SEAPRESS srl, c.f. 06832231002
Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471
Direttore responsabile Massimiliano Grasso - © Copyright 1999-2017 SEAPRESS - Privacy Policy