MARTEDì 30 Agosto 2016 - Aggiornato alle 21:50

Home » » Ipsia, la protesta dei genitori: "Per i brevetti fondi dirottati senza motivo"

 

Ipsia, la protesta dei genitori: "Per i brevetti fondi dirottati senza motivo"

Affrontare con fatica e sacrificio cinque anni di studi nautici e poi ritrovarsi senza il brevetto, indispensabile per prendere il largo a bordo di una nave.
È accaduto a circa una quindicina di ragazzi neodiplomati della sezione nautica dell’Isis Calamatta, ai quali non è stato riconosciuto alcun contributo, come invece avvenuto in passato, per il conseguimento del brevetto, e che, ulteriore beffa, hanno invece visto i fondi utilizzati per agevolare il conseguimento del titolo per gli alunni del terzo anno.
Una situazione che ha fatto esplodere le proteste dei genitori dei ragazzi, che hanno raccontato di aver chiesto spiegazioni al preside Gianfranco Zintu per quanto avvenuto. «Ma lui – affermano – ci ha detto che i nostri figli quel titolo non lo avevano meritato. Non ha però spiegato come mai gli anni precedenti si sia sempre data la priorità ai neodiplomati o ai diplomandi, e quindi agli alunni del quinto o al massimo del quarto anno, premiando i più meritevoli o suddividendo i fondi disponibili tra tutti gli alunni. Il fatto che quest’anno si sia deciso deliberatamente di aiutare i ragazzi del terzo anno vuol dire che chi, come i nostri figli ha già concluso il corso di studi si ritrova senza brevetto e quindi dopo 5 anni di studi nautici non può nemmeno salire a bordo di una nave». La soluzione prospettata allora dal preside, proseguono ancora, è quindi quella di conseguire il brevetto privatamente ad Anzio, al costo di 1.200 euro, sebbene peraltro la scuola ne abbia inspiegabilmente chiesti 1.400. «Una vera ingiustizia – protestano – visto che a quelli del terzo anno, che ancora non hanno completato gli studi, e che avrebbero avuto altri due anni di tempo per conseguirlo a condizioni agevolate, lo hanno pagato solo 100 euro, grazie proprio ai contributi della scuola». Il risultato è stato che l’enorme costo ha infine scoraggiato quasi tutti i neodiplomati, tranne quattro di questi, che hanno alla fine deciso di affrontare la spesa, recandosi però a Castel Volturno, in provincia di Caserta, dove alla fine sono stati necessari 958 euro. «Questa scelta – avvertono però i genitori dei ragazzi che hanno infine conseguito il brevetto – non deve essere interpretata come una resa e non vuol dire che la nostra battaglia sia finita qui, perché molti altri avrebbero voluto coronare anni di sacrifici e invece non si sono potuti permettere un titolo indispensabile per lavorare. Crediamo – aggiungono – che sia un controsenso prevedere un nautico senza che sia accompagnato dalla possibilità di prendere il brevetto. Inoltre, se esistono dei fondi per agevolare gli studenti, crediamo che questi vadano utilizzati con equità e non dirottati su altre classi, come in questo caso, con la scusa non motivata e non documentata che i nostri figli non si sono meritati un aiuto. Riteniamo infatti, che se fossero stati così indisciplinati, avremmo visto i risultati nel rendimento o nella condotta. Invece il preside, grazie all’ampia autonomia concessagli, ha alla fine scelto di punire noi genitori, che con il lavoro ed i sacrifici ci troviamo a pagare quello che la scuola dovrebbe e potrebbe dare. Sappia quindi chi si avvicina a questo corso – concludono i genitori – che potrebbe trovarsi nella stessa situazione dei nostri figli, a meno che, naturalmente, il preside non decida altrimenti».

(27 Lug 2007 - Ore 20:40)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti (Disqus 2)

Civitavecchia, Cultura e Spettacoli

Miss e Mister Civitavecchia

Migliori hotel a Roma Best Western

Con Best Western scopri i migliori hotel a Roma per la tua vacanza.

Inviaci le tue foto
banner CivonSale
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

  • Terremoto, i morti sono 278

    26 Ago 2016 - Il terremoto al Centro Italia ha cambiato la fisionomia del territorio tanto che il suolo s ...

  • Terremoto nel centro Italia, i morti salgono a 267

    26 Ago 2016 - Grande lavoro dei volontari dell'Aeopc di Tarquinia: recuperata la campana del campanile di Saletta ad Amatrice. Ancora nessuna notizia della coppia di Orvieto Matteo Gianlorenzi e Barbara Marinelli. Intanto sospesa la raccolta di generi di prima necessità, si promuovono le donazioni in denaro.

Quotidiano telematico fondato nel 1999 - Editore SEAPRESS srl, c.f. 06832231002
Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471
Direttore responsabile Massimiliano Grasso - © Copyright 2015 SEAPRESS - Privacy Policy