Home » » Ipertiroidismo, serve approccio su misura

 

Ipertiroidismo, serve approccio su misura

Lo dicono gli esperti: "Con l’età la ghiandola rischia di ‘‘rallentare’’"

Con il passare degli anni la tiroide rischia di ‘rallentare’. L’ipotiroidismo è infatti frequente negli anziani, soprattutto nelle donne, nella forma subclinica. E secondo gli esperti dovrebbe richiedere una valutazione e una gestione diversa rispetto a quella attuata nei più giovani, ma soprattutto ‘su misura’. E’ quanto emerso dal simposio ‘Ipotiroidismo nell’anziano: processo alla terapia sostitutiva’, tenutosi nei giorni scorsi a Roma, in occasione del Congresso nazionale Ame (Associazione medici endocrinologi). In generale le patologie tiroidee sono in costante aumento e, secondo gli ultimi dati disponibili in letteratura, la loro prevalenza globale si aggira intorno al 10-20%, nella popolazione ultrasettantenne. La prevalenza di autoanticorpi diretti contro antigeni tiroidei presenta un andamento simile, coinvolgendo circa il 5-10% della popolazione adulta fino ad arrivare al 30% degli ultraottantenni, con una maggiore prevalenza proprio nel sesso femminile. Fra le cause di ipotiroidismo nell’anziano c’è l’impiego di alcuni farmaci, una pregressa tiroidectomia o terapia radiometabolica e, più raramente, malattie infiltrative della tiroide (linfomi, ecc.) o un deficit centrale di secrezione di tireotropina. Ma a colpire gli anziani, spiegano gli specialisti, spesso è una forma di ipotiroidismo con sintomi vaghi e sfumati, nonostante i valori degli ormoni tiroidei siano alterati. «Un ipotiroidismo sub-clinico - spiega all’Adnkronos Salute Enrico Papini, direttore Endocrinologia e malattie del metabolismo dell’ospedale Regina Apostolorum di Albano (Roma) - che si riscontra gradualmente sempre di più via via che si avanza negli anni. Nella maggior parte degli anziani, soprattutto nei grandi anziani, è relativamente frequente trovare livelli di Tsh alterati, seppur di poco rispetto al normale. La cosa più importante - sottolinea - è capire se questo rappresenta un problema oppure no. In alcuni casi infatti può essere legato a un fenomeno di tipo adattativo, quindi bisogna capire se fa parte della fisiopatologia dell’invecchiamento, o se rappresenta l’espressione di una malattia». Come fare? «Occorre guardare alcuni sintomi specifici, correlabili a ipotiroidismo. Vedere se la tiroide appare normale o ci sono indizi» che qualcosa non funziona. Infine, le cose cambiano in base a «quanto elevato è il Tsh: se si tratta di un innalzamento robusto, è molto probabile che ci sia un’alterazione» che va corretta. 

(25 Nov 2017 - Ore 19:47)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Civitavecchia, L'occhio

Mare (Foto di Pina Irato)

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
banner CivonSale
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy