Home » » Idrico, per San Liborio serve una nuova riserva

 

Idrico, per San Liborio serve una nuova riserva

Il vice coordinatore locale di FI interviene dopo i disagi dei giorni scorsi con il quartiere a secco per giorni. Frascarelli: "Vogliamo proporre un impianto subito dopo poggio del Capriolo"

CIVITAVECCHIA - "Per i problemi idrici di San Liborio una prima soluzione potrebbe essere un’ulteriore impianto di riserva per San Liborio". Lo ha dichiarato il vice coordinatore locale di Forza Italia Giancarlo Frascarelli. Un intervento dopo i disagi dei giorni scorsi con una serie di suggerimenti e azioni da mettere in atto per diminuire i problemi degli abitanti del popoloso quartiere cittadino che la scorsa settimana sono rimasti con i rubinetti a secco per giorni.

"L’impianto di potabilizzazione di Monte Augiano - spiega Frascarelli - pompa acqua nell’invaso, che a pieno regime avrebbe una capienza di milioni e milioni di litri di acqua, da lì parte una conduttura da 400 che arriva a poggio del Capriolo, e lì - sottolinea l’azzurro - ci sono le condotte che ci interessano: quella da 250 va a rifornire San Liborio. La condotta da 300 rifornisce Cisterna Faro e Achille Montanucci. Poco più giù di poggio del Capriolo c’è una cisterna riserva - continua - chiamata poggio delle Fate da circa tremila metri cubi, una riserva d’acqua utile quando ci sono i fermi e proprio a causa dei fermi noi vogliamo proporre un impianto per un’ulteriore riserva, subito dopo poggio del Capriolo, proprio per aiutare la condotta da 250 che fornisce San Liborio".

Altra questione invece la pulitura dell’invaso lasco del Falegname che "lo aveva detto anche il Sindaco l’11 luglio 2014 era uno dei primi interventi da fare: sono passati quattro anni". Una promessa mai mantenuta. "Laddove c’è un laghetto - tuona Frascarelli - che potrebbe dare un’utilità c’è una piena di fanghiglia che va svuotata . Tra l’altro i carotaggi come dice il Sindaco dimostrano che c’è fanghiglia, un materiale che non necessità di smaltimenti particolari".

Una pulitura che andava fatta, secondo Frascarelli, utilizzando fondi Enel o regionali piuttosto che utilizzarli per i parchi. "La carenza ci preoccupa e ci preoccupa - conclude duro l’azzurro - questa partenza della gestione di Acea. Non è possibile rifornire con le autobotti a sosta".

(15 May 2018 - Ore 18:30)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Civitavecchia, L'occhio

Bellissime bolle (foto Pina Irato)

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
banner CivonSale
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy