Home » » Guerra Rtc-Cfft, sequestrate le gru Gtc

 

Guerra Rtc-Cfft, sequestrate le gru Gtc

La Capitaneria di Porto è intervenuta questa mattina su delega della Procura della Repubblica per irregolarità dovute all'occupazione demaniale dei mezzi. Tavolo di emergenza convocato dall'Adsp. Nel pomeriggio ottenuto il dissequestro

CIVITAVECCHIA - Sequestrate le quattro gru mobili della Gtc dal personale della Guardia costiera. Un allarme lanciato dagli stessi lavoratori che, poco dopo le 6 di questa mattina, in procinto di iniziare il turno sono stati bloccati dai militari. Un fermo che, come spiegato dagli stessi uomini della Guardia Costiera, era dovuto ad un sequestro giudiziario per «occupazione di suolo demaniale». La vicenda è complicata perché pare che il sequestro sia la conseguenza del contenzioso partito dalla Rtc, società che gestisce il terminal container. La Rtc contesta il fatto che i contenitori di frutta della Cfft vengano scaricati direttamente con le gru gestite dalla Gtc, anziché venire ‘‘lavorati’’ come gli altri container  nel terminal della Rtc. Di qui un contenzioso che ha finito per interessare anche la magistratura, chiamata a verificare se le gru potessero legittimamente occupare aree pubbliche dello scalo una volta terminate le operazioni. Di qui il blitz ed il sequestro dei mezzi, operato dalla Capitaneria di Porto su delega della Procura della Repubblica di Civitavecchia. 

Una situazione pericolosa per i traffici del porto cittadino perché per la giornata di ieri le operazioni di discarica del caolino sono state interrotte. La Gtc ha fatto immediata richiesta di dissequestro alla Magistratura. L’Authority si è immediatamente mossa per cercare di sbrogliare la matassa, una riunione fiume al termine della quale il numero uno di Molo Vespucci, Francesco Maria di Majo ha spiegato: «Ci siamo subito messi all’opera, vogliamo capire se ci sono tutte le ragioni per questo provvedimento. Abbiamo aperto un tavolo con gli operatori. Da parte nostra cercheremo di spiegare che questo provvedimento potrebbe creare ripercussioni sui traffici. Nel futuro – ha concluso - ci attiveremo perché il quadro sia più chiaro per evitare che possano ripetersi questi provvedimenti». Nel pomeriggio è arrivata l’autorizzazione da parte della Procura per far lavorare le gru, sotto la supervisione della Capitaneria di porto. I mezzi rimangono sottoposti a sequestro ma, grazie al lavoro del legale di Traiana Andrea Miroli e alla nota inviata dall’Adsp, in cui si spiega la criticità di un provvedimento simile per il porto, è arrivata l’autorizzazione.

Il tutto sarebbe conseguenza di una norma che specifica come, dopo l’utilizzo, le gru vadano riposte e non lasciate sulla banchina. Proprio su questo fronte ha lavorato l’Adsp individuando un’area ad hoc, sempre sulla banchina 25.

La buona notizia, dopo una giornata convulsa in cui i gruisti si erano subito recati a Molo Vespucci,  dove si è tenuta la riunione di emergenza, presente anche il sindaco Cozzolino, è il via libera perché per domani sono attese due navi fondamentali per il lavoro nel porto: una bananiera e una nave di ferrocromo. Sempre domani dovrebbero riprendere anche le operazioni di scarico del caolino.

(14 Feb 2018 - Ore 20:55)

Articoli correlati

 

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

  • Luci e ombre della Multiservizi

    15 Dic 2018 - Al conseguimento di utili si contrappone il disagio delle maestranze delle farmacie comunali. Da tempo lamentano condizioni di lavoro gravato da turni impossibili a causa di personale licenziato o pensionato che non è stato mai reintegrato; tagli persino sui buoni pasto e mancato riconoscimento dei premi di produzione   

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy