Home » » Grasso: ''Mai un Comune filo-Enel come con il M5S''

 

Grasso: ''Mai un Comune filo-Enel come con il M5S''

All'indomani del servizio andato in onda ieri sera nel corso del programma di Rai Tre ''Presa Diretta'' il leader della Svolta sottolinea: ''Si apra subito un confronto cittadino sul dopo carbone a Tvn. Stavolta la città dovrà poter decidere il proprio futuro'' 

CIVITAVECCHIA - "Quanto dichiarato a "Presa diretta" dal direttore di Enel Italia Carlo Tamburi sul futuro del carbone e di Tvn deve indurre la politica locale ad avviare da subito una riflessione e un confronto sul futuro dell'impianto dal 2025 in poi". È quanto dichiara il capogruppo della Svolta Massimiliano Grasso, all'indomani dell'inchiesta dal titolo "Fossile - Il lungo addio", andata in onda ieri sera su Rai Tre nel corso del programma di Riccardo Iacona.

"Il manager è stato molto chiaro - ha spiegato Grasso - a prescindere dall'effettiva data di uscita dal carbone, un sito importante come quello di Civitavecchia non sarà in ogni caso smantellato. Si pensa al fotovoltaico, ma sicuramente - anche questo Tamburi lo ha detto esplicitamente - anche alla necessità di garantire la produzione energetica a prescindere dai fattori di imprevedibilità legati alle rinnovabili (come ad esempio le condizioni meteo). Quindi ad oggi probabilmente dopo il carbone ci sarebbe il gas, insieme al fotovoltaico. In quest'ottica la nuova Amministrazione dovrà da subito tornare al tavolo con Enel per impegnare il colosso energetico a rispettare l'accordo sottoscritto con il Comune di Civitavecchia, che fra l'altro prevedeva investimenti per 300 milioni nelle rinnovabili, illegittimamente stralciato da Cozzolino senza coinvolgere il Consiglio Comunale".

Secondo il leader della Svolta il rapporto con la Spa dovrà essere incentrato sulla creazione di un percorso "che in 6-10 anni - ha aggiunto - porti all'uscita dal carbone e ad investimenti su rinnovabili e nuove tecnologie, all'insegna della sostenibilità e dei principi dell'economia circolare, per comprendere quale dovrà essere la destinazione finale del sito di Torre Valdaliga Nord. La città questa volta dovrà essere messa in condizione di decidere cosa dovrà accadere sul proprio territorio, dopo oltre 60 anni di produzione energetica. Al momento, invece, grazie all'amministrazione M5S finta-ambientalista, Civitavecchia si trova nell'assurda condizione di restituire i soldi all'Enel e di apprendere dai giornali che la stessa Enel si prepara a cancellare posti di lavoro. Tutto questo - ha concluso Grasso - non può essere accettato da una città che da oltre mezzo secolo ospita la servitù ambientale e per la salute delle principali centrali termoelettriche del Paese".

VIDEO

(08 Gen 2019)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy