DOMENICA 10 Dicembre 2017 - Aggiornato alle 23:51

Home » » Fosso, è ancora protesta a Santa Marinella

 

Fosso, è ancora protesta a Santa Marinella

Non sono stati ancora riparati i danni causati dall’alluvione del 2015 Fosso, è ancora protesta Presentato un esposto in Comune

S. MARINELLA – C’è ancora chi è costretto a protestare per i danni causati dall’alluvione del 2015. Dopo due anni da quel tragico evento, ancora non sono stati riparati i guasti prodotti dalla furia dell’acqua nelle strutture adiacenti ai fossi. A inviare un esposto in tal senso, al sindaco Roberto Bacheca, è uno dei residenti delle abitazioni che confinano con il fosso S.Maria Morgana, nella zona che confina con il ponte romano nei pressi del porto turistico, che in quell’infausto giorno subì dei danno evidenti. «Ho voluto sollecitare l’amministrazione comunale – dice Mariano Precetti ex consigliere comunale - alla risoluzione del problema causato dall’alluvione del 2015, la quale ha provocato danni ingenti alla copertura del fosso Santa Maria Morgana. Dopo tale evento, il Comune, ha badato soltanto a transennare l’intera area, che è ancora abbandonata e nell’incuria totale. Le catastrofi naturali, alluvioni o dissesti idrogeologici, che hanno colpito Santa Marinella negli ultimi 35 anni, dimostrano quanto sia indispensabile l’attività di prevenzione da parte degli enti locali per evitare il verificarsi di tali eventi disastrosi per l’ambiente e l’incolumità pubblica. In base all’articolo 196 del Codice Civile, gli interventi di consolidamento e la messa in sicurezza del citato fosso, rientrano negli obblighi di prevenzione da parte del Comune. E’ ancora vivo in noi il ricordo di quel tragico 2 ottobre del 1981 quando la copertura tra la ferrovia e l’Aurelia è letteralmente saltata in aria e nella sua ricaduta ha provocato centinaia di miglia di euro di danni e tanti disagi a tutte le famiglie e alle abitazioni presenti nella zona". "Quindi – prosegue Precetti - l’amministrazione comunale deve provvedere con urgenza e sollecitudine, nonché sotto la sua responsabilità per ragioni di sicurezza, a rimuovere il materiale accumulatosi nell’alveo dopo il crollo e sistemare il muro di contenimento affinchè non succeda un danno maggiore o addirittura il crollo della soletta di copertura in quanto, i muri di contenimento in pietra, non reggeranno ad un’altra violenta alluvione". "La soluzione consigliata – conclude l’ex consigliere - è quella di rimuovere la soletta superiore che tomba il fosso, per dare più sfogo al flusso delle acque e dei detriti che si riverserebbero in mare».

(06 Dic 2017 - Ore 12:56)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
banner CivonSale
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005

Quotidiano telematico fondato nel 1999 - Editore SEAPRESS srl, c.f. 06832231002
Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471
Direttore responsabile Massimiliano Grasso - © Copyright 1999-2017 SEAPRESS - Privacy Policy