DOMENICA 22 Settembre 2019 - Aggiornato alle 01:22

Home » » Espulso da Padova cittadino tunisino ritenuto socialmente pericoloso

 

Espulso da Padova cittadino tunisino ritenuto socialmente pericoloso

PADOVA - Nella giornata di ieri la Questura di Padova ha eseguito il provvedimento di espulsione giudiziaria dal territorio nazionale nei confronti di un cittadino tunisino quarantatreenne, giunto in Italia irregolarmente nel 1994, perché ritenuto socialmente pericoloso. Dopo essere entrato in Italia clandestinamente, nel 1999 l’uomo aveva ottenuto dalla Questura di Milano un permesso di soggiorno per lavoro subordinato come operaio, convertito in permesso di soggiorno per motivi di famiglia dopo aver sposato nel 2001 una donna italiana residente nell’hinterland padovano, dalla quale ha avuto due figlie.

 

MANIFESTATA UNA SPICCATA PREDISPOSIZIONE A COMMETTERE REATI 


Durante la permanenza a Padova, l’uomo ha manifestato una spiccata predisposizione a commettere reati di particolare allarme sociale Dal 2008 non più produttore di reddito, lo straniero è stato più volte arrestato e condotto in carcere per  reati legati allo spaccio ma anche per rapina, estorsione, truffa ( in un anno e mezzo è stato denunciato 20 volte per truffe online), per maltrattamenti in famiglia,  era stato anche colpito ,dalla misura di prevenzione dell’Avviso Orale dal Questore di Padova. L’Ufficio di Sorveglianza di Padova, a seguito dell’ultima condanna per spaccio, ne ha disposto l’espulsione a titolo di misura di sicurezza considerandolo socialmente pericoloso attesa la sua elevata e attuale attitudine delinquenziale rendendo concreto il rischio che potesse continuare a svolgere attività connesse alla gestione e allo spaccio di stupefacenti al fine evidente di procurarsi mezzi di sostentamento. (Agg.17/5 ore 19,02)

 

ACCOMPAGNATO ALLO SCALO AEREO DI BOLOGNA


Data la particolare indole violenta, tanto da essere ritenuto persona socialmente pericolosa, l’Ufficio Immigrazione della Questura di Padova  ha rigettato l’istanza di rinnovo del permesso di soggiorno per famiglia dallo stesso presentata nel 2017. Ieri mattina lo straniero, dopo l’espletamento di tutti gli adempimenti di legge, è stato accompagnato presso lo scalo aereo di Bologna, da dove, scortato da poliziotti in borghese, è volato verso Tunisi. (Agg.17/5 ore 19,06)

(17 May 2019 - Ore 18:58)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy