GIOVEDì 18 Ottobre 2018 - Aggiornato alle 22:57

Home » » Dall’olio fritto alle alghe, il carburante è green

 

Dall’olio fritto alle alghe, il carburante è green

Nuova ricerca effettuata da Eni nel settore: test nelle bioraffinerie di Venezia e Gela

Metti l’olio fritto nel motore. Ma non solo, anche grassi animali e rifiuti. L’idea, che è già realtà, è quella di trasformare materie prime e scarti di origine biologica in biocarburanti di alta qualità. La lavorazione avviene nella bioraffineria Eni di Venezia, primo esempio al mondo di riconversione bio di una raffineria, attraverso la tecnologia Ecofining, sviluppata nei laboratori di San Donato Milanese in collaborazione con Honeywell-Uop.
Grazie a questo innovativo processo, Eni produce il Green Diesel che addizionato al gasolio dà vita a Eni Diesel+, biocarburante con una componente rinnovabile del 15%, quota che già oggi supera l’obiettivo europeo del 10% al 2020.
Non solo. Eni Diesel+ riduce significativamente le emissioni inquinanti: fino al 40% gli idrocarburi incombusti e ossido di carbonio; fino al 20% il particolato all’uscita del motore. Inoltre grazie a un ciclo produttivo più sostenibile contribuisce a ridurre le emissioni di CO2 in media del 5%.
Ad oggi nella Bioraffineria di Venezia viene impiegato olio di palma certificato ma la tecnologia Ecofining potrà trasformare in Green Diesel anche l’olio ricavato dalle microalghe, in fase di test a Gela, grassi animali e rifiuti. Ed anche, come detto, gli oli vegetali esausti, cioè l’olio fritto residuo delle attività professionali. Con la sottoscrizione di un protocollo tra Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli esausti ed Eni, il Conoe invita tutte le aziende di rigenerazione aderenti a fornire a Eni l’olio esausto raccolto per immetterlo negli impianti della bioraffineria di Venezia.
In prospettiva, con l’entrata in funzione della bioraffineria di Gela nel 2018, la capacità di Eni di lavorazione di oli vegetali sarà di circa un milione di tonnellate all’anno garantendo così l’acquisto degli oli esausti prodotti e disponibili sul mercato nazionale, circa 65mila tonnellate nel 2016.
E’ stato calcolato che tutto questo comporterà un risparmio potenziale di 3.130 kg di CO2 equivalente per tonnellata di biodiesel prodotto e consumato come combustibile, mentre l’acqua risparmiata sarà pari a 1,9 metri cubi per tonnellata di biodiesel prodotto con oli esausti.

(20 Dic 2017 - Ore 18:27)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy