Home » » Dagli hobby al lavoro, la vita negata dei malati di Bpco

 

Dagli hobby al lavoro, la vita negata dei malati di Bpco

Per la metà di loro anche solo muoversi è un miraggio. In arrivo in Italia un nuovo mix terapeutico

Se a oltre 3 italiani su 4 è capitato almeno una volta nella vita di sentirsi mancare il respiro, per chi convive con la Bpco (broncopneumopatia cronico ostruttiva) gli ‘ostacoli del fiato’ sono una normalità con cui fare i conti 24 ore su 24. Una vita negata. La malattia ‘ladra’ del respiro condanna all’immobilità: per quasi un paziente su 2 qualsiasi attività fisica, persino salire una rampa di scale, si trasforma in un’impresa. Nei casi più gravi anche cambiarsi i vestiti toglie il fiato. Gli hobby diventano un miraggio per il 41%, il piacere di andare a ballare è negato al 36%. La Bpco frena persino attività più sedentarie come trascorrere una serata al cinema o a teatro, per 3 malati su 10. 
E non bastasse lo tsunami che si abbatte sul tempo libero e sulla vita familiare e di coppia, anche il lavoro viene investito dalle conseguenze negative della patologia: quasi un paziente su 5 ha dovuto cambiare professione, il 9% ha proprio rinunciato a lavorare. A raccontare l’incubo giornaliero degli italiani con Bpco è un’indagine realizzata da Gfk e promossa da AstraZeneca. 
L’occasione è l’arrivo in Italia di una nuova combinazione terapeutica, che con un ‘clic’ ogni 12 ore promette di migliorare il respiro dei pazienti giorno e notte: l’associazione di due boncodilatatori - aclidinio e formoterolo, a dose fissa precostituita somministrata in un unico inalatore - è in grado, spiegano gli esperti riuniti a Milano, di controllare i sintomi mattutini (-17,7%), diurni (-21,6%) e notturni (-25,2%) della Bpco rispetto ai monocomponenti. 
«Finora avevamo due molecole separate - spiega Pierachille Santus, professore associato di Malattie dell’apparato respiratorio all’università degli Studi di Milano - ora è disponibile una combinazione fissa di questi due principi attivi broncodilatatori cardine, che ne sfrutta le proprietà sinergiche con un risultato clinico funzionale maggiore. L’azione è immediata, in circa 1-2 minuti si ha un effetto positivo sulla funzione polmonare e quindi sulla percezione del sintomo. E con la somministrazione ogni 12 ore, una al mattino e una alla sera, si coprono le necessità del paziente giorno e notte. Anche al risveglio», momento difficile per chi convive con la Bpco. 

(17 Set 2016 - Ore 19:05)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy