Home » » Cresce ad Allumiere la febbre da Palio

 

Cresce ad Allumiere la febbre da Palio

VIDEO

ALLUMIERE - Ad Allumiere cresce la febbre da Palio: domani e dopodomani nel paese collinare si terrà l'evento clou del paese e del comprensorio.

Sta per partire infatti il 54^ Palio di Allumiere organizzato e curato dall’amministrazione comunale e dalla Pro Loco. Per questa manifestazione è impegnata una imponente task force composta da carabinieri, polizia, vigili urbani e volontari della Protezione Civile. A coordinare le operazioni il sindaco Antonio Pasquini e la presidente della Pro Loco Tiziana Franceschini e con loro i volontari della Pro Loco e lo staff del primo cittadino. Il Palio è stato ideato da Riccardo Rinaldi nel 1965: Rinaldi era il sindaco di Allumiere e volle ricreare sull’esempio del Palio di Siena un evento dove i protagonisti erano gli asini. Divise il paese 8 Contrade: Le Cascine, Il Poggio, Buro, Ghetto, La Bianca, Nona, Polveriera e Sant’Antonio; oggi invece le Contrade sono 6: Buro, Ghetto, La Bianca, Nona, Polveriera e Sant’Antonio. Dal 1965 ad oggi questa manifestazione è sempre andata in crescendo continuando ad appassionare e ad animare tanti allumieraschi che per tutto l’anno lavorano per questo evento. Il Palio è oggi l’evento clou del paese e del comprensorio e da sempre calamita in collina tantissime persone: ogni anno si contano circa 30mila presenze. Anche quest’anno quindi si rinnova l’appuntamento con la tradizione: preparazione, tensione e rivalità si rinnovano, sempre uguali e sempre diverse, come ogni anno da quel lontano 1965. Le sei Contrade scalpitano e sono pronte a darsi battaglia per la conquista dell’ambito Cencio. I tre minuti della corsa degli asini in questa gremita piazza della Repubblica decideranno il campione che oltre al Cencio porterà in contrada anche il diritto di sbeffeggiare tutti gli avversari per un anno intero; fino alla prossima disputa, in un eterno ciclo di lavoro, passione, speranze, scaramanzie, sogni infranti e gioia dirompente. Il Palio delle Contrade si svolge la prima domenica dopo il 15 agosto di ogni anno dal 1965. Dopo la sfilata di comparse in costume di epoca rinascimentale e l'esibizione di gruppi di sbandieratori rappresentanti le sei Contrade e a seguire il Palio, che consiste, come vuole la tradizione, in una gara di corsa tra asini al posto dei cavalli. Al termine del Palio viene consegnato al vincitore il Cencio e la sera stessa la Contrada vincitrice darà vita alla festa. Da rilevare che una giuria di esperti premierà il miglior corteo storico e il gruppo di sbandieratori di Soriano al Cimino premieranno invece il miglior gruppo di sbandieratori. Lo svolgimento della gara è suddiviso in tre batterie in ognuna delle quali viene assegnato un punteggio in base all'ordine di arrivo (12 punti al primo classificato, 10 al secondo, 8 al terzo e così via fino all'ultimo che guadagna 2 punti). Al termine delle tre gare, la contrada col maggior numero di punti è proclamata vincitrice. In caso due contrade abbiano totalizzato lo stesso numero di punti, viene organizzata una gara di spareggio. Il Palio è una manifestazione che richiama ad Allumiere un notevole afflusso di visitatori: nelle edizioni più recenti il paese è stato letteralmente invaso dai turisti con punte che vanno oltre le trentamila presenze.

Simboli e colori delle sei Contrade: Burò colori bianco e nero, simbolo Arco sito nella Contrada; Ghetto colori giallo e rosso, simbolo Fontanella della Contrada; La Bianca colori bianco e verde, simbolo Agrifoglio; Nona colori rosso e verde, simbolo Antichi stabilimenti dell'allume; Polveriera colori rosso e azzurro, simbolo Mulino a vento; Sant'Antonio colori bianco e rosso, simbolo edicola del santo di Padova.

Oggi sono state montate le tribune e domani mattina si procederà con l’interramento della pista e domani sera si svolgerà la tradizionale ‘‘Provaccia’’ e, a seguire, il Mini Palio disputato in due batterie. Ai vincitori il trofeo offerto dal Bar della Piazza e a seguire grande festa fino a tarda notte con la ‘‘Notte delle Contrade’’. Domenica mattina si procederà col rito della benedizione di asini e fantini sul sagrato della chiesa e poi seguirà la Punzonatura: i tre asini scelti da ogni Contrada saranno segnati con un numero progressivo che li rende riconoscibili. Alle 17 inizierà il corteo storico: circa 250 comparse faranno rivivere l’epoca del primo Rinascimento, della scoperta dei giacimenti di alumite e degli appalti di Da Castro, dei Medici e del Chigi in una spettacolare rievocazione storica. Gli sbandieratori di Burò, Ghetto, La Bianca, Nona, Polveriera e S. Antonio si esibiranno e si sfideranno in una gara di agilità, abilità e coreografia. Al termine del Corteo Storico e delle esibizioni degli alfieri si procederà alla disputa del Palio vero e proprio. Al termine delle 3 batterie dal balcone sarà calato il drappo tra le mani dei fantini della Contrada vincitrice e dei suoi contradaioli. La classifica vede in testa la Nona con 17 Pali, a seguire Ghetto 10, Polveriera 9, Burò e Sant’Antonio 8 e La Bianca 1.

 

 

1°           1965                      GHETTO

2°            1966                      NONA

 3°           1967                      NONA

 4°           1968                      GHETTO

 5°           1969                      GHETTO

 6°           1970                      GHETTO

 7°           1971                      GHETTO

 8°           1972                      NONA

 9°           1973                      GHETTO

10°         1974                      GHETTO

11°         1975                      GHETTO

12°         1976                      BURO’

13°         1977                      S.ANTONIO

14°         1978                      BURO’

15°         1979                      BURO’

16°         1980                      BURO’

17°         1981                      BURO’

18°         1982                      LA BIANCA

19°         1983                      POLVERIERA

20°         1984                      S.ANTONIO       

21°         1985                      POLVERIERA

22°         1986                      S.ANTONIO

23°         1987                      GHETTO

24°         1988                      BURO’

25°         1989                      S.ANTONIO

26°         1990                      S.ANTONIO

27°         1991                      NONA

28°         1992                      NONA

29°         1993                      POLVERIERA

30°         1994                      POLVERIERA

31°         1995                      NONA

32°         1996                      POLVERIERA

33°         1997                      POLVERIERA

34°         1998                      BURO’

35°         1999                      NONA

36°         2000                      GHETTO

37°         2001                      NONA

38°         2002                      NONA

39°         2003                      NONA

40°         2004                      NONA

41°         2005                      NONA

42°         2006                      POLVERIERA

43°         2007                      NONA

44°         2008                      NONA

45°         2009                      NONA

46°         2010                      S.ANTONIO

47°         2011                      NONA

48°         2012                      S. ANTONIO

49°         2013                      NONA

50°         2014                      S.ANTONIO (+ rievocativo)

51°         2015                      BURÓ

52°         2016                      POLVERIERA

53°         2017                      POLVERIERA

Per quanto riguarda invece l’albo d’oro degli sbandieratori in testa Polveriera con 15 vittorie seguito da Ghetto 12, Buro e Sant’Antonio 5, La Bianca e La Nona 4

 Nell’albo del corteo storico svetta il Buro con 12 vittorie, a seguire La Bianca 10, Ghetto 7, Polveriera 6, Sant’Antonio 5 e Nona 3

Gli artisti che hanno dipinto il Cencio dal 1965 ad oggi sono: nel 1965 Armillei; dal 1967 al 1995 Antonino Galice; 1996 e 1997 Anna Copponi; 1998 Maria Grazia Di Pietrantonio; 1999 Maria Rita Parigiani; 2000-2001-2002 Maria Luisa Taranta; 2003 Antonino Galice; 2004 Ennio La Rosa; dal 2005 al 2009 Maria Luisa Taranta; 2010 Paola Imposimato; 2011 Simona Sestili; 2012 Maria Luisa Taranta; 2013 Laura Nunzi; 2014 Simona Sestili; 2015 Maria Luisa Taranta; 2016-2017 Simona Sestili; 2018 Silvia di Silvestro.

A giudicare gli sbandieratori sarà una delegazione del Gruppo Sbandieratori e Musici della Nobile Contrada Trinità di Soriano nel Cimino. Questo gruppo ha radici profonde: è uno dei gruppi più longevi del Viterbese e d’Italia. Sono passati ormai 46 anni dalla Sagra delle Castagne del 1972 quando scesero per la prima volta in piazza. Durante questi anni il Gruppo, formato da 16 alfieri, 18 tamburini e 10 chiarine, ha calcato le scene nazionali ed europee riscuotendo ovunque consensi e successi. E’ affiliato alla LIS, Lega Italiana Sbandieratori, dalla sua fondazione, partecipando alle Parate Nazionali della Bandiera sia senior che under 18. Il primo risultato di rilievo fu nel 1982 a Sarzana con il secondo posto assoluto. Dal 2012 al 2015 nella specialità di Assolo Musici abbiamo ottenuto ottimi risultati con i due Bronzi a Sanremo 2013 e Lucera 2015, un Argento a Legnano nel 2012 ed il titolo di Campioni d’Italia a Gallicano nel 2014. Fiore all’occhiello del nostro Gruppo sono i ragazzi della Scuola di bandiera che è sempre esistita.  Nel 2014 il gruppo ha deciso di dare ulteriore impulso alla cosa presentando un progetto per la candidatura di Soriano all’organizzazione della Parata Nazionale Under 18 del 2015 che la LIS ha ritenuto idonea. Oltre al successo organizzativo i giovani Alfieri hanno subito dimostrato il loro valore conquistando il titolo di campioni d’Italia di grande squadra Under 15 ed Under 12 oltre ad altri piazzamenti a podio. Da allora ci sono stati i successi del 2016 a Chianciano Terme con due titoli di Campioni d’Italia di grande squadra Under 12 ed Under 15 oltre a 6 medaglie di Argento, 2 di Bronzo ed il 2° posto assoluto in combinata. Nel 2017, sempre a Chianciano Terme, hanno raggiunto l’obiettivo che si erano proposti nel 2014, ovvero diventare la ‘‘Miglior Compagnia d’Italia Under 18’’. Un successo senza precedenti sia numericamente che tecnicamente: 14 gare disputate tra sbandieratori e musici nelle varie fasce di età, 8 medaglie d’Oro, due d’Argento, 2 di Bronzo, un 4° ed un 7° posto che ci hanno consentito di diventare Campioni d’Italia assoluti. Nel 2018, a Lucera, sono stati ancora una volta protagonisti: su 8 gare disputate hanno conquistato 9 medaglie: 5 d’Oro, 2 d’Argento e 2 di Bronzo ed ancora una volta sono risultati secondi assoluti in combinata. “Non possiamo che essere orgogliosi di tutto ciò, avere tanti ragazzi che ci seguono, molti sulle orme dei loro genitori – spiega Aquilino Mancinelli - un ringraziamento particolare va a chi ha saputo fare in modo che tutto ciò accadesse, in primis a Nicola Borghesi per gli sbandieratori e ad Aurora Carinella per i musici coadiuvati dagli altri componenti e dai genitori dei ragazzi.

Grande novità, poi, quest’anno per il 54° Palio delle Contrade di Allumiere. La Pro Loco in collaborazione con l’amministrazione comunale attraverso la Filatelia delle Poste Italiane ha stampato un’edizione speciale di una cartolina raffigurante il momento più importante del Palio, cioè la corsa dei somari. La foto, di Franco Pierini, è stata tratta dall’archivio dell’associazione fotografica Click. Al centro i sei fantini in groppa agli asini immediatamente dopo la ‘‘sgabbiata’’, ossia l’uscita dalle gabbie. I volti dei fantini non sono le persone raffigurate, ma sono volutamente sfocate per rappresentare tutti i fantini del passato, del presente e del futuro. Anche l’immagine dietro è sfocata a simboleggiare la velocità e l’incognita e il palpitare dei cuori dei vari contradaioli. In alto il logo storico della manifestazione: il suonatore di chiarina sull’asino. Il tutto incorniciato da una greca coi colori bianco-celeste del Comune di Allumiere in cui sono incastonati gli stemmi delle sei Contrade.  Domani dalle 16 in poi presso lo stand di Poste italiane in via Roma le cartoline saranno annullate e distribuite. Queste cartoline saranno distribuite poi dalle Contrade domani sera nella ‘‘Notte colorata’’.

 

 

 

 

 

 

(17 Ago 2018 - Ore 20:28)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

  • Blitz di Goletta Verde al largo di Tvn

    10 Ago 2019 - Esposto uno striscione con scritto "Nemico del clima". Legambiente: "Nel Lazio sono pari a 11,5 milioni di tonnellate le emissioni della produzione energetica da fonti fossili, il 78,5% provenienti dalla ciminiera di Civitavecchia" 

  • Servizio irriguo, garantito fino al termine della stagione

    07 Ago 2019 - Il sindaco annuncia che ha ufficialmente richiesto alla Multiservizi la proroga al 30 settembre. Pascucci: «In autunno sarà necessario trovare delle soluzioni alternative»  

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy