MARTEDì 22 Gennaio 2019 - Aggiornato alle 00:45

Home » » Contro CasaPound sit-in in Piazza Aldo Moro

 

Contro CasaPound sit-in in Piazza Aldo Moro

Organizzato dall’Anpi che ha chiamato a raccolta cittadini e associazioni del territorio.  Pascucci: «Non faremo mai un passo indietro. Il nome, i colori e gli ideali di pace continueranno a sventolare alti dalla facciata del Municipio». Fratelli D’Italia pur  non partecipando attivamente, sarà  presente con alcuni responsabili per difendere il paese da qualsiasi atto di prepotenza  - VIDEO

di TONI MORETTI 

CERVETERI - Come abbiamo già annunciato, l’abilità politica del sindaco Pascucci non avrebbe dovuto faticare a far si che la pochezza dell’azione di CasaPound si rivelasse per lui personalmente e per il suo movimento, Italia in Comune, del quale è coordinatore nazionale, una occasione di grande visibilità sulla scena politica nazionale. Non si riesce a farsene una ragione della sprovvedutezza di chi  pur se tenuti in grande considerazione dal ministro degli Interni che forse coltiva il sogno di fare in un prossimo futuro di questi ragazzotti dal carattere irruento e dalla mazza facile la sua SS con la quale terrorizzare e riportare alla ragione con metodi già tristemente noti alla storia,  chi, come lui pensa, ha abbandonato il valore della sovranità nazionale e si espone all’invasione degli “Impuri” che arrivano dall’altro emisfero, si espone al “ridicolo” sollevando una questione intorno ad un simbolo universale intorno al quale moltissimi si riconoscono in quanto espressione di un desiderio che non è racchiuso in una ideologia ma nel cuore di individui diversi tra loro per cultura, razza, pensiero.  Se si vuole spiegare il concetto di trasversalità infatti, si parli di pace e di guerra e ci si rende conto che i colori dell’arcobaleno, sintetizzano l’ universalità di quanto appena detto. Ed ecco quindi che oggi, probabilmente verranno come annunciato, a fare una manifestazione che oltre al folklore non riesce ad esprimere vista l’impossibilità che avranno di caratterizzarla con un contenuto politico che non ha, viste anche le posizioni prese anche dai loro “Fratelli” che diffondono significativi distinguo dall’iniziativa. 
Per esempio il gruppo di Fratelli d’Italia comunica sulla pagina social: «Purtroppo nostro malgrado, ci troviamo come forza politica di centro destra a Cerveteri, nell’insolita situazione di rispondere contrariati alle dichiarazioni rilasciate dal responsabile del Lazio per CasaPound Italia, circa la manifestazione che si terrà sabato 12 gennaio alle 11 nella Piazza Risorgimento di Cerveteri, contro l’esposizione della bandiera della Pace sulla facciata del palazzetto comunale. Dopo aver letto il comunicato di CPI rilasciato dal Sig. Antonini Mauro attraverso il quale ha lamentato l’ingiusta opposizione del Sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci alla richiesta di rimozione della bandiera stessa, e quindi per tale motivo avrebbe pensato il suo movimento politico a toglierla; ebbene Fratelli d’Italia Cerveteri LiberaMente condividendo il mero significato di pace e rispetto ma allo stesso tempo rifiutando in modo assoluto il pensiero politico che esprime tale bandiera strumentalizzata dalle sinistre, in virtù della nostra posizione politica che ci vede quotidianamente impegnati a difesa del territorio e delle sue tradizioni, sempre nel pieno rispetto delle leggi e delle norme istituzionali e comunque in netta contrapposizione con l’ambigua linea politica dell’amministrazione Pascucci; a condannare l’atteggiamento prepotente con il quale CPI si approccia alla manifestazione di sabato e quindi FDI Cerveteri LiberaMente pur non partecipando attivamente alla manifestazione, sarà comunque presente con alcuni responsabili per difendere il suo territorio da qualsiasi atto di prepotenza». 
Come si vede non fa sconti Fratelli d’Italia ma difenderà il suo territorio da atti di mera prepotenza che vanno contro il rispetto delle leggi. Quindi, non è solo l’Anpi che come era prevedibile, ha chiamato a raccolta gruppi politici ed associazioni che hanno aderito con entusiasmo a difendere quella bandiera, il diritto di riconoscersi e di esporla in forma simbolica, tra l’altro a norma di legge, sul palazzo che rappresenta l’intera comunità, al quale hanno risposto annunciando la partecipazione al sit-in in Piazza Aldo Moro alle 10 davanti al Monumento ai Caduti. Hanno aderito Annozero, gruppo politico di maggioranza e diverse altre associazioni. 

Naturalmente il sindaco Pascucci, piccato, tiene il punto e dice: «Non faremo mai un passo indietro. Il nome, i colori e gli ideali di pace continueranno a sventolare alti dalla facciata del nostro Municipio. Perché la Pace non è un simbolo di parte ma è un valore fondamentale della nostra società, un pilastro sancito nella nostra Costituzione all’articolo 11: non esiste comunità senza la pace». 
Allora  oggi a cosa assisteremo alla presenza di una cavalleria che non si sa a quale titolo viene per far rispettare un presunto “ordine” del Prefetto? Vengono per dimostrarci che Salvini ha una sua “cavalleria” personale? Si aspettano che la gente sarà per questo intimorita? O vengono soltanto per impartire una lezione di diritto all’Anpi che non capiscono di leggi e di procedure come evidenziato dal responsabile  di Cerveteri e Ladispoli, che guarda caso è un avvocato? Che tempi ragazzi, eppure è una strategia che si conosce.
Oggi, la mattinata sarà modificata da una tranquilla giornata prefestiva ad una complicata, in quanto è stata mobilitata a fine cautelativo la Polizia Locale, la Protezione Civile e le Forze dell’Ordine con l’obiettivo di tutelare la sicurezza e l’incolumità pubblica, secondo CasaPaund per imporre ad un sindaco il rispetto di una legge non violata,  senza averne titolo, senza averne conferito l’autorità per farlo ma spinti soltanto dalla prevaricazione e la prepotenza di essere nella ragione. Ma scusate, questo non è fascismo? Ministro Salvini, scusi, ma in  quella Costituzione sulla quale lei ha giurato nell’accettare la carica, non ci sono articoli che lo vietano sotto ogni forma si raffiguri e si manifesti?  Ma provveda allora. Eviti queste menate. Non perda il suo tempo a manifestare il suo potere contro poveretti su barche ammalati, senza cibo e senza acqua, bloccando i porti e negando ogni possibilità al suo popolo di esprimere quella solidarietà  che gli viene naturale dalla notte dei tempi.

(12 Gen 2019 - Ore 06:15)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

  • Plastica nei fiumi, arriva Seads: tra i soci anche un ladispolano

    21 Gen 2019 - L'idea del feantino Fabio Dalmonte ha visto la collaborazione di Mauro Nardocci.  Il progetto, a bassi costi, ideato per ripulire i corsi fluviali dal rifiuto che potrà essere rivenduto dai Comuni  

  • Arsial interviene a salvaguardia di Torre Flavia

    20 Gen 2019 - Nei giorni scorsi in accordo con l’ente gestore affidati i lavori per la realizzazione di una staccionata in legno. Allo studio interventi di manutenzione della viabilità interna per garantire al meglio l’accesso dei visitatori alla zona lacustre  

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy