MARTEDì 25 Giugno 2019 - Aggiornato alle 20:32

Home » » Con l'occhio bionico torna a vedere dopo 15 anni

 

Con l'occhio bionico torna a vedere dopo 15 anni

La gioia di Nicola, affetto da retinite pigmentosa, ‘‘rinato’’ a 50 anni grazie a una protesi Usa

Nicola, 50 anni, centralinista in una grande multinazionale, da 15 anni viveva al buio per una grave forma di retinite pigmentosa che gli aveva tolto la vista. Ora ha ritrovato la luce, grazie all'impianto di una protesi epiretinica made in Usa - il cosiddetto 'occhio bionico' della linea Argus* - eseguito all'ospedale San Paolo di Milano dall'équipe guidata da Luca Rossetti, direttore della Clinica oculistica della struttura e docente all'università Statale. In sala operatoria anche Fabio Patelli, Leonardo Colombo e Tommaso Nuzzo, che hanno concluso in appena 2 ore un intervento complesso, senza complicanze. "Quando ho illuminato i miei due bimbi e le persone a me più care la gioia è esplosa. Sono rinato a 50 anni, anche se so che il lavoro di riabilitazione è ancora lungo e faticoso", dichiara il paziente. L'intervento - spiegano dalla Statale - è stato possibile anche grazie alla donazione dell'impianto da parte dell'Associazione Retinitis Onlus e al suo presidente Gaetano Savaresi, che da sempre supporta la Clinica oculistica del San Paolo. La protesi epiretinica di invenzione californiana ridona la luce a pazienti diventati ciechi a causa della retinite pigmentosa, permettendo di riconoscere sagome con una visione di luce in scala di grigi, dettata dall'attivazione di 60 pixel che compongono un chip appoggiato in sede maculare vicino al nervo ottico. Secondo quanto descritto da Second Sight, l'azienda che commercializza Argus, il sistema sfrutta la stimolazione elettrica per bypassare le cellule morte della retina e 'risvegliare' quelle ancora vitali, inducendo una percezione visiva in persone con grave o profonda degenerazione retinica esterna. La tecnologia funziona convertendo le immagini catturate da una videocamera in miniatura montata su occhiali indossati dal paziente in una serie di piccoli impulsi elettrici, che vengono trasmessi in modalità wireless a una matrice di elettrodi impiantati sulla superficie della retina. Input che stimolano le cellule funzionanti, producendo la percezione di modelli di luce nel cervello. A 30 giorni dall'intervento, dopo un delicato processo di attivazione del segnale e di regolazione di ogni singolo elettrodo, calzando l'occhiale con fotocamera e antenna Nicola ha potuto ricevere impulsi luminosi trasmessi all'interno dell'occhio e inviati sfruttando il nervo ottico.

(19 Giu 2016)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy