MERCOLEDì 24 Luglio 2019 - Aggiornato alle 21:08

Home » » In collina è allarme cinghiali

 

In collina è allarme cinghiali

Oltre al pericolo causato agli automobilisti ci sono anche i danni provocati ai castanicoltori e ai possessori di vigneti. La vicenda sta facendo discutere. Per i Verdi e gli animalisti l'abbattimento selettivo approvato dalla Pisana non risolve il problema. «La caccia è solo un palliativo e aggrava la situazione. Meglio i "piani di contenimento"»

ALLUMIERE - TOLFA - Ancora alto l'allarme cinghiali. Da tempo in collina sono molte le proteste e le denunce dei residenti che lamentano il problema dell'invasione dei cinghiali sulle terre lavorate, nei vigneti, nei boschi e sono sempre di più gli animali che si spingono fino alle abitazioni. La Regione Lazio lo scorso mese ha accolto le istanze della gente ed ha emanato un emendamento al bilancio per adottare il sistema del selecontrollo che servirà ad evitare che gli ungulati se ne vadano a zonzo facendo incursioni su fondi dei privati e provocando, non di rado, incidenti. Da via della Pisana verranno predisposti appositi piani per consentire ai cacciatori di eliminare un numero programmato di esemplari. (agg. 24/10 ore 11.05) segue

"SELECONTROLLO" E' DIBATTITO. "L'abbattimento selettivo, messo a punto dai “selecontrollori” incaricati dalla Regione, è un meccanismo che prevede l’abbattimento dei capi selvatici in sovrannumero”. Questo provvedimento sta facendo discutere: da una parte accontenta i residenti che lo richiedono da anni dall'altra i Verdi e gli animalisti secondo i quali: "Aprire alla caccia non risolve il problema ma è un palliativo che aggrava la situazione - scrive il presidente di Legambiente Lazio, Roberto Scacchi - meglio i ''piani di contenimento'' che prevedono la fornitura delle gabbie per la cattura agli agricoltori”. Ma dall'assessorato all'Agricoltura della Regione Lazio rassicurano: "Nelle aree naturali protette l'attività venatoria è vietata e normata da leggi nazionali. Il contenimento della specie avverrà solo “all'interno dei parchi, prevedendo la possibilità di effettuare prelievi e abbattimenti selettivi necessari per ricomporre squilibri ecologici”. In questi giorni su questo tema è intervenuta la Coldiretti. ''L'incremento incontrollato dei cinghiali oltre a devastare il lavoro degli agricoltori, con coltivazione distrutte e animali allevati uccisi, mette in pericolo anche la sicurezza dei cittadini. Gli incidenti stradali provocati dagli ungulati sono in aumento, così come gli attacchi alle persone, mentre le segnalazioni dei produttori sono ormai quotidiane. Nell'ultimo anno, nel Lazio, i danni stimati per gli agricoltori si attestano intorno ai 4 milioni di euro (circa la metà nella provincia di Roma), danni che, tra l'altro, praticamente non vengono mai risarciti. Questo problema è sottostimato dalle istituzioni. L'emendamento approvato dalla Regione sul selecontrollo è un primo passo importante, ma serve agire rapidamente perché le imprese non possono più aspettare". Coldiretti poi lancia poi una proposta importante: "Sarebbe opportuno attivare una filiera delle carni di cinghiale che ne permetta la commercializzazione e garantisca i consumatori. Altre regioni l'hanno già fatto, con successo, creando opportunità di lavoro per tanti operatori". (agg. 24/10 ore 11.30)

DANNI A VIGNETI E CASTAGNETI. Intanto da Tolfa e Allumiere continuano le proteste anche perché questi cinghiali mettono a repentaglio la sicurezza stradale visto che ''circolano'' sia sulla Braccianese Tolfa-Tramontana che sulla Tolfa-Bracciano e sulla Tolfa-Santa Severa. Lamentele sono poi giunte sai castanicoltori collinari: "Anche quest’anno i maiali selvatici e i cinghiali che scorazzano nei castagneti hanno provocato e provocano molti danni" ; stessa denuncia anche da parte dei possessori di vigneti che vedono distrutti dai cinghiali e filari, i confini, le reti e i propri fondi. (agg. 24/10 ore 12)

(24 Ott 2018 - Ore 11:05)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

  • Bilancio Multiservizi: nel primo semestre 428mila euro di utili

    23 Lug 2019 - Rappresenta la migliore performance mai raggiunta dalla municipalizzata. Pascucci: «Se questi sono i risultati è giusto aprire un dibattito per affidarle altri incarichi». Claudio Ricci, amministratore unico: «Anche stavolta determinante il settore farmacie»  

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy