Home » » ''Collaborazione con le Fiamme Oro a gonfie vele''

 

''Collaborazione con le Fiamme Oro a gonfie vele''

RUGBY Torna l’appuntamento con la rubrica Palla Ovale. Parla il tecnico dell’Under 16 del Crc Andrea Gargiullo. Il dirigente/accompagnatore Valerio Storri: «Qui è come una grande famiglia, ognuno aiuta il gruppo»

Palla Ovale, la rubrica settimanale del Civitavecchia Rugby, questa settimana ci porta a conoscenza dell'allenatore e dell'accompagnatore/dirigente dell'Under 16 del Crc Andrea Gargiullo e Valerio Storri. Storia ed attualità delle giovanili del Civitavecchia Rugby.
«La collaborazione rugbistica della Under 16 e 18 tra il Civitavecchia Rugby e le Fiamme Oro Rugby - spiega Andrea Gargiullo - sta andando sempre meglio, ci siamo integrati molto bene. In particolare con la Under 16 che mi vede coinvolto direttamente come allenatore, abbiamo raggiunto gli obiettivi prefissati ossia le due squadre stanno partecipando una al torneo Elite, giocando in Centro Sud Italia, l’altra a quello interregionale Lazio e Abruzzo. Ho iniziato ad allenare a 27 anni, quindi quasi 20 anni fa, conducendo in tutte le categorie del Civitavecchia Rugby fino ad arrivare ad essere il secondo in prima squadra. Spiegare questo sport è davvero difficile, io lo reputo “una malattia”, uno stato che ti rimane dentro e lo tieni per sempre, una condizione che non dà dolore ma piacere e felicità che ti accompagna per tutta la vita».
«È un grande onore - esordisce Valerio Storri - essere accompagnatore/dirigente di una squadra di Rugby oltre che un’esperienza piacevole e divertente. Il ruolo è completamente gratuito e viene rafforzato dalla presenza dei miei ragazzi che giocano a rugby. È un incarico di coordinamento al lavoro degli allenatori e di rappresentanza della società Civitavecchia Rugby. C’è una differenza tra il ruolo di accompagnatore/dirigente nel minirugby da quello della serie superiore. Nel primo caso devi fare in modo che i genitori siano vicini ai rugbisti ma nello stesso tempo non si sostituiscano all’allenatore né alla società, stimolando sicuramente ma non devono essere troppo invadenti, nel secondo caso si devono gestire i ragazzi ossia coordinarli, facendo presente sempre che è uno sport e che finita la partita, vincente o perdente, si deve andare oltre. Il Civitavecchia Rugby è una grande famiglia, ogni persona del gruppo del Rugby, non solo allenatori e accompagnatori/dirigenti, ma anche genitori aiutano il gruppo, insomma ognuno dà qualcosa».

(13 Feb 2020 - Ore 20:53)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Elisabetta Nibbio
Riproduzione riservata.
È vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy