MERCOLEDì 26 Settembre 2018 - Aggiornato alle 02:37

Home » » Chiusure domenicali: fa discutere la proposta del Governo

 

Chiusure domenicali: fa discutere la proposta del Governo

Per il presidente della Confcommercio Graziano Luciani gli associati cittadini sono sostanzialmente favorevoli ad una "rivisitazione" delle chiusure nei giorni festivi. Per la Cna è necessario un confronto con le organizzazioni del settore. Ferri (PD): "Una soluzione che non è adeguata per la nostra città"  

CIVITAVECCHIA - Continua a tenere banco la questione relativa alla proposta di voler regolamentare le aperture domenicali degli esercizi commerciali, centri commerciali in particolare, da parte del Governo. "Prima di esprimere giudizi è opportuno leggere con attenzione il testo di legge e le deroghe per quanto riguarda i periodi festivi e le zone turistiche - ha spiegato il presidente della Confcommercio Civitavecchia Graziano Luciani - auspichiamo interventi complessivi che prevedano anche una riduzione dei costi del lavoro e aumenti dei salari, perché crediamo fermamente che questi due strumenti siano fondamentali per il rilancio occupazionale e aumento dei consumi". (SEGUE)

IL PUNTO DELLA CONFCOMMERCIO - Di questo tema si è discusso anche nel corso di una riunione del Consiglio Direttivo, dopo aver ascoltato pareri e sensazioni degli associati cittadini, sostanzialmente favorevoli ad una “rivisitazione” delle chiusure domenicali. "L’eccessiva liberalizzazione e la deregolamentazione, che solo in teoria doveva produrre benefici per tutti - ha aggiunto Luciani - ha penalizzato gli esercizi commerciali al dettaglio, e soprattutto i negozi di vicinato e le botteghe storiche. Finora nessuno si è mai posto il problema dei tanti posti di lavoro persi quando sono stati autorizzati i grandi centri commerciali a ridosso dei centri cittadini. Di certo, non è solo con la modifica degli orari che si risolvono i problemi. Anche perchè, nel frattempo, le grandi piattaforme globali di e-commerce sarebbero escluse". (Agg. 12/09 ore 12.57)

LA CNA - Per la Cna Turismo e Commercio si tratta di una materia delicata che richiede necessariamente un confronto, il prima possibile, tra Governo ed organizzazioni del settore. “L’eventuale riforma deve tenere conto - secondo l’Associazione - delle esigenze delle micro e piccole imprese che nel tempo si sono adeguate alla normativa e hanno investito massicciamente per offrire ai consumatori uno shopping festivo di qualità nelle località turistiche, nei borghi, nei centri urbani pedonalizzati, nei centri commerciali naturali, nelle periferie cittadine, trasformandosi in vero e proprio presidio sociale. Le piccole imprese, anche per contrastare la desertificazione commerciale dei centri cittadini a favore degli insediamenti extraurbani della grande distribuzione organizzata, hanno creato sinergie con altre attività: tipiche, ambulanti, artigianali, artistiche. Inoltre, non potendosi permettere nuove assunzioni, hanno fatto fronte alla concorrenza con un surplus di lavoro soprattutto familiare”.

“Ecco perché - spiega CNA Turismo e Commercio - si ritiene opportuna una verifica dell’attuale disciplina e dei suoi effetti economici e sociali, ma si chiede che l’eventuale riforma punti, prioritariamente, a riequilibrare il rapporto tra grande distribuzione organizzata e piccolo commercio. Il governo deve prevedere interventi mirati a favore di quest’ultimo, ponendo nel contempo - conclude - particolare attenzione ai temi della riqualificazione e della vivibilità dei nostri centri così come dell’accessibilità agli spazi commerciali urbani”. (Agg. 12/09 ore 13.15)

IL SEGRETARIO DEL PD GERMANO FERRI - Sulla vicenda è intervenuto anche il segretario del Pd Germano Ferri, in risposta alle dichiarazioni dell'ex presidente della Confcommercio Tullio Nunzi che ha definito condivisibile la proposta del Governo. "Credo che obbligare un esercizio commerciale alla chiusura domenicale sia assurdo, in un paese in cui la disoccupazione è un problema serio - ha sottolineato - un'azione simile avrà come conseguenza la perdita di numerosi posti di lavoro favorendo le vendite online le quali, a breve, vedranno la distribuzione anche di generi alimentari da parte di colossi come Amazon. Indubbiamente ritengo quella del governo sia la solita propaganda populista del "si stava meglio quando si stava peggio", proposta tra l'altro discriminatoria verso tutte le altre professionalità che di domenica lavorano. Sono fermamente convinto che tale soluzione non sia la più adeguata per la nostra città, territorio in cui commercio, turismo e servizi sono i settori trainanti dell'economia cittadina ma verso cui il comune è fermo ormai da tempo e, in alcuni casi si è dimostrato con alcune decisioni anche avverso. Ne è l'esempio il progetto del centro commerciale in zona Fiumaretta, un'idea che esclude di fatto Civitavecchia dai benefici economici che il porto trascina con sé. Indubbiamente poi, l'assenza di servizi, di iniziative ed il degrado cittadino - ha aggiunto Ferri - riducono notevolmente il circolare di persone, danneggiando quindi il commercio locale. Infine mi sento di dire che chiudendo i negozi la domenica, andremo a danneggiare ulteriormente il turismo in una città che nulla ha da offrire ad i milioni di croceristi che ogni anno transitano senza fermarsi in città portando di fatto Civitavecchia a subire solo gli effetti negativi del traffico turistico, tra cui l'enorme inquinamento derivato. Sicuramente si deve trovare un punto di incontro che tuteli consumatori ed imprese e che permetta al piccolo commercio di competere in maniera adeguata, di certo però la chiusura domenicale degli esercizi commerciali non è affatto la soluzione migliore". (Agg. 12/09 ore 13.41)

 

 

(12 Set 2018 - Ore 12:41)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy