Home » » Carlo Musa, una parabola ascendente

 

Carlo Musa, una parabola ascendente

CALCIO. Cinque anni fa portava l’Aranova in Promozione, domenica scorsa l’Avellino in serie C. Il direttore sportivo: «Emozioni uniche, figlie soprattutto della passione dei tifosi. Ora ci godiamo il momento, poi parleremo di futuro»

Cinque anni fa portava l’Aranova in Promozione, domenica scorsa l’Avellino in serie C. La scalata del direttore sportivo Carlo Musa ambito da molte società.
Ci vuole testa e coraggio, perchè a 28 anni imbarcarsi in un’avventura nuova, in una città esigente con fame di vittorie,  non è certo facile. 
Lo sapeva Carlo Musa, il diesse dell’Avellino che dopo Ferragosto ha lasciato le vacanze per accettare la chiamata della società irpina. 
Non ha parlato di soldi, di contratto, è stato il cuore ha lanciarlo sull’autostrada del Sole, 300 km di pensieri e domande, sostenute dall’animo di uno che non molla. 
«Non ci ho pensato un secondo, ho preso e sono partito. Non sapevo cosa mi aspettasse , una nuova società era stata rifondata, ripartiva dalla sofferenza di una tifoseria che aveva perso i diritti di partecipare alla serie B». 
Una stagione intensa, densa di emozioni e colpi di scena, terminata domenica con la promozone in serie C. 
Una tifoseria impazzita, che del calcio ne fa una ragione di vita, in quella che è una provincia con un seguito di tifosi  impressionante. 
«Si ero in serie D, ma di fatto lavoro in una città che ha tutti i connotati di una piazza da serie A. Tv, giornali, radio, riesci ad immergenti in un mondo che ti esclude da quello che c’è fuori da  questi confini. Sono emozioni  uniche, che non ti dà la categoria, ma la passione dei tifosi».
Solo cinque anni fa,  nei primi passi da diretorre sportivo,  raggiungeva la Promozione con l’ Aranova. 
«Erano i miei inizi, oggi l’Aranova è ad un passo dall’Eccellenza. Ce la può fare, ha tutto per vincere.  Un club che ha i numeri per arrivare lontano, è fondato su delle basi solide, consalidatesi nel tempo».
I festeggiamenti ad Avellino sono appena inziati e tra qualche giorno si parlerà di futuro. 
«Dobbiamo goderci questa vittoria, ad Avellino le feste durano più di una settimana. Del mio futuro non ho ancora parlato».   
Il giovane diesse, però, sta ricevendo diverse attenzioni, soprattuto da quei club che vogliono rilsalire in serie C.  Per esempio Taranto e Latina, due club  che hanno allungato gli occhi.

(15 May 2019 - Ore 20:01)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

  • Esplode la rete fognaria a Valcanneto

    22 May 2019 - Tecnici Acea al lavoro da sabato mattina con l’autospurgo per limitare gli sversamenti di liquami nel bosco. Il consigliere Mundula: «Si sta procedendo a bypassare la condotta danneggiata per eseguire poi la riparazione»       

  • Il ministro Costa nel primo stabilimento plastic free

    20 May 2019 - Visita inaspettata sabato sera a Ladispoli da parte del Ministro dell'Ambiente e del suo staff per una cena informale.Quello in città è una delle prime strutture balneari del Lazio ad aver detto addio alla plastica monouso

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy