LUNEDì 23 Settembre 2019 - Aggiornato alle 16:04

Home » » Cappellani presidente, minoranza in panne

 

Cappellani presidente, minoranza in panne

L’esponente della lista civica del Sindaco eletto alla terza votazione con 18 preferenze su 19. L’opposizione, uscita dall’aula, esulta, parlando di difficoltà della maggioranza, ma la massima carica dell’assise frena gli entusiasmi: «Il franco tiratore sono io»

di MASSIMILIANO MAGRI'

Francesco Cappellani è il nuovo presidente del Consiglio Comunale. Come previsto, la massima assise lo ha eletto alla terza votazione, dopo che la seconda si era conclusa con 19 voti in suo favore, due in meno rispetto a quelli necessari. Proprio prima della seconda votazione è intervenuto Nicola Porro per annunciare il ritiro della propria candidatura alla luce della mancata condivisione da parte della maggioranza ed annunciando che i consiglieri di opposizione avrebbero votato scheda bianca. A fare eccezione nuovamente Vincenzo Gaglione, che invece ha ancora una volta proposto la propria candidatura almeno per la prima delle due votazioni in programma. Ma a scatenare una nuova discussione tra maggioranza e minoranza sono state le modalità di voto, che il regolamento comunale impone essere segreto. Indicazione rispettata dai consiglieri del Patto per la Città, ma disattesa dai rappresentanti dell’opposizione, che hanno invece preferito, fatta eccezione per Gaglione e Guerrini, piegare la scheda di voto, senza nemmeno entrare nella cabina predisposta ad hoc. Una violazione che ha spinto il consigliere anziano Cappellani a rivolgere ai colleghi un invito, poi comunque disatteso, ad attenersi alle norme del regolamento. A sottolineare quanto accaduto, al termine della votazione, \CONSIGLIOè intervenuto il riformista Gianfranco Iacomelli, che, di fronte alle proteste del diessino Piendibene, ha sottolineato come lo scorso anno, in una situazione analoga, proprio Piendibene si fosse battuto perché l’uso della cabina non fosse facoltativo. Più duri Balloni del Polo Civico e l’azzurro Roscioni, che hanno invece evidenziato come il voto dato fuori dalla cabina sia servito a nascondere i problemi della minoranza e a denunciare il clima di scarsa fiducia nella coalizione dopo la vicenda del franco tiratore. Di lì a breve la seconda votazione, in occasione della quale i consiglieri di opposizione hanno abbandonato i banchi, al punto di costringere Cappellani a rimpiazzare lo scrutatore Perello con Guerrini, unico rappresentante dell’opposizione rimasto in aula. Alla conta dei voti nuova sorpresa: Cappellani ha totalizzato solo 18 preferenze e una scheda è bianca. Esulta l’opposizione che ha subito parlato di franco tiratore nella maggioranza fin quando è lo stesso neoeletto presidente a gelare gli entusiasmi. «Il franco tiratore – ha detto – sono io». Un colpo di scena accolto da uno scroscio di applausi e seguito da un breve discorso in cui lo stesso Cappellani è tornato a criticare la violazione del regolamento da parte dell’opposizione, definendolo «un servizio reso non già all’assise, ma a quella partitocrazia che cerchiamo di vincere», facendo poi appello ai colleghi affinché mantengano alto il profilo del \CONSIGLIOdibattito e non dimentichino mai il dovere di rappresentanza nei confronti dei cittadini. «Posso assicurare – ha poi concluso – che lavorerò per dare migliori servizi e prospettive serie ai giovani e alle generazioni future e per questo mi metto fin d’ora a disposizione di tutti». Al termine della votazione il Sindaco ha presentato in un lungo discorso le linee programmatiche della sua amministrazione (secondo punto all’ordine del giorno, del quale l’opposizione in conferenza dei capigruppo aveva chiesto, senza ottenerlo il rinvio). Un intervento a tutto campo, su sviluppo, istruzione, cultura, energia, occupazione, porto e ambiente, estrapolato dal programma elettorale. Nulla di fatto invece per il terzo e ultimo punto all’ordine del giorno, l’elezione delle commissioni consiliari, rinviato, dopo che lo stesso primo cittadino ha spiegato la necessità di provvedere ad una nuova ripartizione delle competenze delle commissioni stesse, affinché corrispondano a quelle dei nuovi assessorati.

IL SINDACO: "TVN, SE NON SARA' RIAPERTA CONFERENZA DEI SERVIZI, CHIEDEREMO TERMINE PRECISO PER LA CHIUSURA DELLE CENTRALI - ""La richiesta presentata dal Ministro Pecoraro Scanio ai suoi colleghi Bersani e Turco, sostenuta anche dalla delibera congiunta delle province di Roma e Viterbo e dal presidente della Regione Lazio, Marrazzo, per la riapertura della valutazione d'impatto ambientale e della conferenza dei servizi, già chiusa nel 2004, appare una proposta demagogica ed elettoralistica". Lo ha affermato Giovanni Moscherini, sindaco di Civitavecchia, nel corso della lettura delle linee programmatiche di governo della neo insediata amministrazione comunale di centro destra "Patto per la città" esposte nel corso del secondo consiglio comunale svoltosi questo pomeriggio nell'aula Renato Pucci di palazzo del Pincio. "Il Governo in carica infatti - ha proseguito Moscherini - per esplicite dichiarazioni del presidente del Consiglio Prodi e del Ministro per lo Sviluppo Economico, Pierluigi Bersani, ha a suo tempo chiuso la discussione sulla realizzazione della riconversione a carbone della Torre Valdaliga Nord. Ciò non toglie che se il Governo dovesse convocare la conferenza dei servizi istruttoria io sarò presente al tavolo insieme agli altri sindaci per modificare le cose. La grande coalizione al governo della città - ha aggiunto Moscherini - auspica che il Governo faccia le sue scelte in maniera chiara e definitiva. Nell'ipotesi che esso confermi la modalità di riconversione a carbone, si ritiene opportuno articolare una proposta, da discutere e condividere con gli altri comuni interessati e che stabilisca un tempo limite oltre il quale le due centrali, Torre Valdaliga Nord e Tirreno Power, ex Torre Valdaliga Sud, devono essere dismesse in modo che vengano restituite le aree alla città per destinarle a nuove banchine portuali".
"Crediamo - ha aggiunto Moscherini - che la nuova amministrazione comunale debba stipulare nuove convenzioni sia con Enel, sia con tirreno Power. Le convenzioni dovranno avere un termine di fine attività ben preciso e dovranno essere volte alla riduzione dell'uso dei combustibili fossili (carbone, gas metano e oli combustibili) e all'utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili (eolico, solare, idrogeno e biomasse). Concordo con quanto deciso dal Consiglio dei Ministri europeo su proposta del cancelliere tedesco, Angela Merkel in merito alla riduzione, entro i prossimi 20 anni del 60% della produzione europea di energia da combustibili fossili. Le centrali Tirreno Power e torre Valdaliga Nord quindi - ha precisato Moscherini - devono entrare nel programma europeo di riduzione dell'utilizzo del combustibile fossile per la quota che riguarda l'Italia". Poi in merito al monitoraggio della qualità dell'aria e alla tutela della salute del territorio, il sindaco Moscherini ha aggiunto: "Si ritiene necessaria la predisposizione di un sistema di monitoraggio continuo degli inquinanti attraverso l'Osservatorio Ambientale di Civitavecchia, la cui gestione deve essere affidata ad un organismo scientifico qualificato e indipendente. All'Arpa Lazio sarà affidata la gestione, la manutenzione e la certificazione delle centraline di rilevamento, Sempre all'Arpa spetterà il controllo trimestrale degli agenti inquinanti ricadenti al suolo, sottosuolo, falde acquifere e marine e la redazione di un piano d'intervento locale. Qualora si verificassero - ha concluso Moscherini - situazioni di inquinamento lesivo della salute pubblica, il Sindaco s'impegna ad ordinare la chiusura della centrale per 30 giorni la prima volta; per 60 giorni la seconda e 90 la terza e ordinare la chiusura definitiva per eventuali emissioni o ricadute successive".

(20 Giu 2007 - Ore 20:33)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy