Home » » Cancro al pancreas seconda causa di morte al mondo

 

Cancro al pancreas seconda causa di morte al mondo

Medici e associazioni di pazienti ne parlano a Roma

Colpisce ogni anno in Italia circa 13 mila persone, negli ultimi 15 anni ha fatto registrare quasi un 60% di aumento di casi e le proiezioni indicano che presto sarà la seconda causa di morte nei Paesi occidentali. Si tratta del cancro del pancreas, uno dei tumori con la prognosi più severa, aggressivo e nella maggior parte dei casi letale. Di questo ‘killer silenzioso’ si è parlato in occasione dell’incontro «World Pancreatic Cancer Day 2017: storie e iniziative per continuare a fare luce sul tumore al pancreas», che si è tenuto a Roma alla presenza di clinici e associazioni di pazienti. «Il cancro del pancreas ha un’incidenza di 12 per 100 mila abitanti - spiega all’AdnKronos Salute Gabriele Capurso, responsabile Gastroenterologia dell’Ospedale Sant’Andrea di Roma - Si tratta di uno dei pochi tumori per i quali l’incidenza è in costante aumento rispetto ad altri, che sono in diminuzione. Purtroppo questa incidenza corrisponde nel 93% dei casi anche alla mortalità. Al momento è la quarta causa di morte nel nostro Paese». La prevenzione, anche in questo caso, è la tattica migliore per contrastare la malattia: «Un coretto stile di vita è fondamentale - sottolinea il gastroenterologo - Un terzo dei casi di tumore del pancreas sono strettamente associati al fumo di sigaretta: se magicamente tutti gli italiani smettessero di fumare oggi, tra 15 anni avremmo il 30% in meno di morti causati da questa neoplasia. Gli altri fattori di rischio sono una dieta poco corretta, eccesso di zuccheri, eccesso di carne rossa, eccesso di alcolici, sovrappeso corporeo, diabete». «Per una quota di soggetti è inoltre rilevante il rischio familiare - ricorda l’esperto - in quelle famiglie in cui nell’albero genealogico sono presenti 2 o 3 casi di tumori del pancreas - o nel caso di sindromi genetiche particolari associate al rischio di cancro al pancreas - è possibile anche fare uno screening per cercare di fare una diagnosi più precoce. Una collaborazione tra medici che si occupano di questa malattia e associazioni di pazienti è cruciale, soprattutto per diffondere le informazioni base e cercare di arrivare a diagnosi più precoci possibili».

(25 Nov 2017 - Ore 19:49)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
banner CivonSale
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 - Editore SEAPRESS srl, c.f. 06832231002
Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471
Direttore responsabile Luca Grossi - © Copyright 1999-2018 SEAPRESS - Privacy Policy