Home » » Caffè sicuro, mai troppo caldo

 

Caffè sicuro, mai troppo caldo

Nessuna relazione con circa 20 tipi di tumore. A rischio invece il bere bevande al di sopra dei 70°

Bere caffè non comporta pericoli di carcinogenicità per l’uomo, ma consumare bevande molto calde (al di  sopra dei 70°C) è un’abitudine ‘probabilmente’ a rischio di tumore, in particolare dell’esofago. Lo confermano oggi, in una  conferenza stampa ufficiale, gli esperti dell’Agenzia internazionale  per la ricerca contro il cancro (Iarc) dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). Ma «i consumatori italiani possono stare tranquilli: le modalità con cui nel nostro Paese si è abituati a servire il caffè, non bollente, sorseggiandolo con calma e in piccole quantità, ci mette al riparo da  qualsiasi pericolo», commenta all’Adnkronos Salute Alessandra Tavani,  responsabile del Laboratorio di epidemiologia delle malattie croniche all’Istituto Mario Negri di Milano, uno dei 23 scienziati selezionati dalla Iarc per valutare gli studi, oltre 500, disponibili su questo  tema.
 Il working group ha pubblicato una sintesi dei risultati anche sulla rivista ‘The Lancet Oncology’. «I dati suggeriscono che bere bevande molto calde è una probabile causa di cancro esofageo e che è la temperatura, piuttosto che la bevanda in sè stessa, a essere responsabile di questo effetto», ha commentato Christopher Wild, direttore della Iarc. «A essere particolarmente a rischio - spiega ancora Tavani - è la bevanda Mate, diffusa in Sud America e pericolosain quanto viene consumata con una cannuccia che non fa ‘bruciare’ la bocca e consente di far passare direttamente la bibita in gola.
Inoltre, anche il modo in cui viene servita in società, passandola di persona in persona e aggiungendo sempre acqua calda, la rende probabilmente a rischio di cancro all’esofago perché in questo modo rimane sempre bollente».
 «Chi beve caffè, soprattutto in Italia», e anche quando non espresso, ma ‘allungato’, all’americana, «è solito prenderne un sorso e poi magari poggiarlo sulla scrivania, in modo che si raffreddi e si possa poi bere con calma. Quelle alte temperature di cui parla la Iarc, dunque - rassicura l’esperta - sono riferite soprattutto al Mate, che per come viene servito rimane costantemente caldissimo, e con la cannuccia» non ci si scotta nemmeno labbra e lingua.
 Il caffè, di per sé, conclude Tavani, «è risultato sicuro, sono stati presi in considerazione oltre 20 tipi di tumore e non è emerso alcun rischio. Il suggerimento è comunque quello di cercare di non berlo mai velocemente e in grandi quantità quando è bollente».

(26 Giu 2016)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy