GIOVEDì 21 Giugno 2018 - Aggiornato alle 22:42

Home » » Benevento, il Questore firma il Daspo per tre tifosi del Crotone

 

Benevento, il Questore firma il Daspo per tre tifosi del Crotone

Sono stati emessi dal Questore di Benevento, Giuseppe Bellassai provvedimenti di Daspo  per tre tifosi del Crotone.

La scelta di dare un segnale incisivo contro ogni forma di violenza e disordine pubblico  giunge al termine degli accertamenti condotti dalla Polizia di Stato, dopo gli episodi che si erano verificati in occasione del match Benevento – Crotone.

Le tre misure di prevenzione sono state emesse, infatti, nei confronti di tre tifosi crotonesi che, al termine della partita, durante il deflusso verso i pullman, dopo aver scaraventato a terra una transenna che separava il settore ospiti da quello locale, avevano cercato il contatto con i tifosi beneventani. Uno dei tre, in particolare, dopo essersi svincolato con estrema forza dalla presa di un operatore di Polizia, aveva cercato di attaccare i supporters locali brandendo in mano una cintura. L'immediato intervento dei reparti di rinforzo della Polizia di Stato aveva permesso di evitare il contatto fra le tifoserie. All'esatta identificazione si è pervenuti anche grazie alla visione delle immagini registrate dalle telecamere installate recentemente nei pressi del Palatedeschi, utilizzato come area - parcheggio dei tifosi ospiti.

CINQUE ANNI A UN TIFOSO, TRE AGLI ALTRI DUE (agg. 08/03 ore 19.07) - Dei tre provvedimenti uno, quello che riguarda un soggetto già in passato raggiunto da un Daspo scaduto da qualche mese, ha la durata di 5 anni. Gli altri due di 3 anni.

CONDANNATO ANCHE L'UOMO CHE HA LANCIATO IL PETARDO IN CAMPO (agg. 08/03 ore 21.07) - I tre Daspo vanno ad aggiungersi a quello, della durata di tre anni, precedentemente emanato dal Questore di Benevento, immediatamente dopo la conclusione del match, nei confronti del responsabile del lancio di un petardo caduto sul terreno di gioco a poca distanza dal portiere del Benevento. Anche l'identificazione dell'autore di quel gesto fu resa possibile dagli approfondimenti investigativi effettuati dal personale della Digos e della Polizia Scientifica e delle registrazioni  del sistema di videosorveglianza a circuito chiuso in funzione all'interno dello stadio.

(08 Mar 2018 - Ore 17:08)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
banner CivonSale
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy