Home » » “Basta roghi tossici a Ladispoli”, scatta la petizione

 

“Basta roghi tossici a Ladispoli”, scatta la petizione

Il documento indirizzato alla Procura di Civitavecchia e al Prefetto di Roma. «I reati ambientali devono essere prontamnete puniti da chi compie questi insani gesti»

LADISPOLI - “Basta roghi tossici a Ladispoli”. Il titolo della petizione è molto chiaro: i residenti sono stanchi di dover fare i conti tutti i giorni, soprattutto nelle ore notturne, con le inalazioni di fumi tossici. Plastica e gomma bruciata invadono non solo le strade più periferiche ma anche quelle centrali, con il fumo tossico che spesso, purtroppo, riesce a superare porte e finestre, invadendo casa. Una situazione difficile da continuare a sopportare. Ne sanno qualcosa i residenti del quartiere Miami. Da anni ormai i cittadini che abitano nella zona convivono con una perenne puzza di plastica bruciata. Da dove arrivi sembra essere ancora un mistero, con gli stessi cittadini che più volte si sono trasformati in “piccoli detective” andando a caccia del rogo che stava causando il problema. Purtroppo senza riuscirci. Benché infatti spesso la colonna di fumo, nero, si veda abbastanza chiaramente soprattutto dalla zona più alta della città, andarne poi a individuare il punto esatto di provenienza risulta essere complicato, senza i mezzi adatti a poter portare a termine un compito così arduo e delicato. E ora, a quanto pare, da qualche settimana, i roghi sembrano non essere più una sola prerogativa del quartiere Miami, o delle frazioni Monteroni e Olmetto come in passato. Anche il centro, le spiagge in particolar modo sembrano essere diventate teatro di falò clandestini dove a essere bruciati insieme a canne secche provenienti dai fossi o alle alghe trasportate sulla spiaggia dalla corrente marina, è anche plastica. A denunciare la situazione qualche giorno fa era stato proprio un esponente del Movimento 5 Stelle che era riuscito a individuare, in pieno giorno, un incendio di rifiuti ancora fumante. Della vicenda sono subito state informate le Autorità preposte per le indagini del caso, nella speranza di andare a individuare il responsabile. Proprio come a rivolgersi alle autorità erano stati i residenti del Miami che proprio sulla vicenda dei roghi tossici e dei miasmi avevano interessato anche la Procura della Repubblica di Civitavecchia con un esposto, consegnato anche ai Carabinieri della stazione di via Livorno. Tutte azioni che ad oggi, non hanno però portato a risvolti positivi. E così, ora, scatta anche la petizione online su change.org nella speranza di attirare l'attenzione del Prefetto di Roma e della Procura. È proprio a queste due Istituzioni che il documento messo a punto da un ladispolano è rivolto.«Da parecchi mesi e soprattutto nelle ore notturne – si legge nella petizione – la città di Ladispoli e le località vicine, vengono avvolte da pericolosi fumi di roghi tossici. Il forte odore acre di plastica bruciata e chissà quali altri materiali, costringe i cittadini a dover tenere le finestre chiuse anche durante l'estate. Nonostante le numerose segnalazioni dei cittadini, la situazione non è cambiata. Risulta molto difficile capirne la provenienza soprattutto perché i roghi vengono appiccati durante la notte. Inoltre – prosegue ancora la petizione – tutte le strade periferiche intorno all'Aurelia sono spesso invase da spazzatura che, verosimilmente, viene scaricata anche da grandi camion. Tutto ciò comporta un rischio per la salute dei cittadini e di inquinamento dei territori che dovrebbero invece essere maggiormente tutelata». La richiesta è semplice: «Maggior controllo del territorio attraverso l'utilizzo di Forze dell'ordine e Protezione civile al fine di fermare questa barbarie ai danni dell'ambiente e dei cittadini. I reati ambientali – si conclude nella petizione – devono essere prontamente puniti da chi compie questi insani gesti».

(17 Apr 2019 - Ore 13:01)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

  • Bilancio Multiservizi, si chiude con un utile di 80mila euro al comune

    13 Apr 2019 - Soddisfazione alla conferenza stampa per un risultato storico mai conseguito fin’ora. Il sindaco Pascucci elogia l’operato dell’attuale management per le scelte e le strategie adottate. Claudio Ricci, amministratore unico: «Troveremo il modo per aprire la sesta farmacia comunale»  

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy